Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

IMPRENDITORI SANITÀ E MEDICI, 5 ARRESTI A CATANIA

IMPRENDITORI SANITÀ E MEDICI, 5 ARRESTI A CATANIA

Scatta a Catania l’operazione "Bloody money" condotta dalla guardia di finanza, arrestato anche un imprenditore legato da vincoli di parentela con un noto latitante mafioso.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

 IMPRENDITORI SANITÀ E MEDICI, 5 ARRESTI A CATANIA –

La Guardia di Finanza di Catania ha arrestato per corruzione e abuso d’ufficio cinque persone tra dirigenti medici di alcune strutture ospedaliere catanesi, nell’inchiesta anche imprenditori della sanità che sono già ai domiciliari. Sono tre imprenditori e due dirigenti medici: Francesco Messina Denaro (classe ’61), procuratore speciale della Diaverum Italia Srl per la Sicilia, Salvatore Guarino (classe ’51) e Carmelo Papa (classe ’56) rispettivamente amministratore di fatto e di diritto del centro dialisi privato “Le Ciminiere Srl”; Giorgio Leone (classe ’64) ed Elvira Sicurezza (classe ’51), dirigenti medici rispettivamente in servizio presso i Reparti di Nefrologia e Dialisi degli ospedali Garibaldi e Vittorio Emanuele di Catania. L’operazione è stata denominata ‘Bloody money’. Gli indagati distoglievano i pazienti in dialisi dalle strutture pubbliche a quelle private.
Il provvedimento è stato eseguito dopo l’indagine coordinata dalla Dda di Catania e in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale che ha portato all’arresto e detenzione coatta ai domiciliari i cinque indagati. La Procura contesta loro l’associazione a delinquere finalizzata al compimento di reati di corruzione e abuso d’ufficio. Iguardia_finanza_7l giudice ha inoltre disposto, l’interrogatorio di garanzia, per la nomina di un commissario giudiziale per un anno a carico delle due società coinvolte nelle indagini.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook