Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DELITTO LORIS: IL GIORNO DEL GIUDIZIO PER VERONICA

DELITTO LORIS: IL GIORNO DEL GIUDIZIO PER VERONICA

L'ultima udienza a Ragusa del processo per l'omicidio del piccolo Loris Stival a Santa Croce Camerina. Andrea Stival, nonno del bimbo ucciso: "Mi aspetto una condanna". Il padre della Panarello: "Non ho perso la speranza" mentre l'avvocato della madre: "Veronica è pronta a qualsiasi sentenza. Per noi manca la prova oltre ogni ragionevole dubbio". Andrea Stival è in ansia per il verdetto.

 

 

DELITTO LORIS: IL GIORNO DEL GIUDIZIO PER VERONICA –

Il legale di Veronica Panarello, Francesco Villardita, si è reca nel Palazzo di Giustizia di Ragusa, dove oggi è prevista l’ultima udienza del processo col rito abbreviato alla 28enne accusata di avere ucciso il figlio Loris di 8 anni nella loro casa di Santa Croce Camerina, il 29 novembre del 2014. Villardita precisa: “Veronica Panarello è pronta da sempre a qualsiasi sentenza. Certo, non è serena perché sta affrontando un momento particolare e un’ansia normale per questi casi. Non riusciamo a fare alcun tipo di previsione perché è un processo particolare e siamo aperti a ogni soluzione”. Intanto la Procura, il 3 ottobre scorso, aveva chiesto la sua condanna a 30 anni di reclusione. Il penalista ha anche aggiunto che: “Lei si ritiene non colpevole e noi riteniamo che la prova oltre ogni ragionevole dubbio non è stata raccolta, quindi aspettiamo e vediamo quali sono le valutazioni del giudice oggi. Poi le sentenze si accettano o si impugnano”.
Il sostituto procuratore Marco Rota ribadendo la richiesta di condanna a 30 anni ha detto: “In quell’angolo buio entra soltanto lei”. Il magistrato nel suo intervento, durato 90 minuti circa, ha ricostruito la dinamica del delitto e la sua tempistica. Inoltre, ricorda che la perizia psichiatrica esclude che la donna non fosse in grado di intendere e di volere, e che la perizia medico-legale dimostra che Loris è stato strangolato con una fascetta di plastica e non con un cavo Usb, come sostiene nella sua ultima ricostruzione Veronica Panarello.
Francesco Biazzo avvocato di Andrea Stival, nonno del piccolo, precisa: “questa sentenza potrà dare una possibilità alla famiglia di riunirsi”. Il riferimento è ai contrasti tra il suo assistito e suo figlio Davide Stival. Si ricorda che la Panarello ha accusato il suocero di avere ucciso Loris perché aveva scoperto che erano amanti.
Andrea Stival dal canto suo ha sempre negato l’accusa mossa dalla nuora, e nel processo si è costituito parte civile e il penalista accanto al suo assistito che non vuole parlare con i giornalisti aggiunge: “E’ commosso per quest’ultimo giorno e vuole soltanto giustizia e pace per suo nipote. Quindi una condanna”.
Il papà del bimbo ucciso Davide Stival e marito di Veronica è naturalmente in ansia, mentre in aula è presente anche Andrea Scrofani suo legale che lo rappresenta e afferma: “Davide è in ansia, ma sa che è stato fatto un lavoro rigoroso. Non abbiamo posizioni da difendere, né dita da puntare: accettiamo qualsiasi sentenza non temiamo la verità, perché abbiamo fiducia in questo giudice e nella magistratura”.

 

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook