BELLINI E STABILE, PRESENTATI I CARTELLONI

BELLINI E STABILE, PRESENTATI I CARTELLONI

Conferenza stampa di presentazione al palazzo di città dei programmi dei due teatri Bellini e Stabile. Il sindaco Bianco: " è indispensabile fare squadra, tutti insieme, per affrontare meglio le sfide che ci aspettano".

 

 

BELLINI E STABILE PRESENTATI I CARTELLONI –

Il sindaco di Catania Enzo Bianco e l’Assessore regionale al Turismo e Spettacolo Antony Barbagallo, insieme ai vertici dei due enti catanesi, Teatro Massimo Bellini e Teatro Stabile di Catania, hanno presentato per la prima volta in modo congiunto nel salone Bellini del palazzo di città i rispettivi programmi per la prossima stagione. Inoltre erano presenti, il sovrintendente del Bellini Roberto Grossi con il direttore artistico Francesco Nicolosi, il commissario straordinario dello Stabile Giorgio Pace con il consulente artistico Giovanni Anfuso, il Rettore dell’Universitá di Catania Giacomo Pignataro, numerosi artisti, musicisti e attori, quali Pippo Pattavina e Tuccio Musumeci.
L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo Anthony Barbagallo ha evidenziato: “ La presentazione congiunta delle stagioni di Stabile e Bellini è espressione della volontà condivisa di dare sostegno a teatri tanto prestigiosi e rilanciarli attraverso iniziative di portata nazionale e internazionale. L’Assessorato incrementerà in quest’ottica la valorizzazione dei teatri di pietra, lanciata quest’estate con Anfiteatro Sicilia, circuito che intensificheremo il prossimo anno coinvolgendo ancora il Bellini e lo Stabile. Ringrazio il sindaco Bianco per questo “idem sentire”, che permetterà di incrementare il turismo culturale e salvaguardare l’occupazione dei lavoratori dei due teatri”.
Il sindaco Enzo Bianco sottolinea così l’’avvio della sinergia tra i due teatri: “Presentiamo oggi le due stagioni insieme, per fare sentire, anche fisicamente, che le istituzioni pubbliche della città sono vicine agli enti artistici e culturali più importanti: il Teatro Massimo e il Teatro Stabile. Perché è indispensabile fare squadra, tutti insieme, per affrontare meglio le sfide che ci aspettano. Ecco la ragione di questa straordinaria presentazione congiunta delle due stagioni, con eccellenti programmi di alto livello artistico, che si rivolge a Catania, alla Città Metropolitana e all’intera Regione. Fare squadra non solo ci consentirà di superare il difficile momento economico, ma ci metterà nelle condizioni di affrontare meglio le sfide artistiche e culturali che ci aspettano.
Sui risultati raggiunti dal Teatro Bellini e sui traguardi future si è soffermato il sovrintendente : “È un cartellone che riafferma, pur con un budget fra i più bassi d’Italia, che è possibile coniugare l’economicità con la qualità artistica, grazie a coproduzioni e collaborazioni con altri Enti culturali e teatri, oltre che ad un rigido controllo dei costi. Puntiamo sui titoli della grande tradizione operistica e sinfonica, ma anche su anteprime e produzioni inedite con proposte aperte davvero a tutti”. Il direttore artistico Francesco Nicolosi ha riassunto le linee guida della stagione: “Cinque titoli operistici e due balletti, dodici concerti sinfonici e sei cameristici, nove concerti fuori abbonamento che arricchiranno l’offerta artistica, spaziando tra vari generi musicali, e una corposa sezione dedicata all’educational. La Straniera del nostro Bellini, Manon Lescaut, Salome, Don Giovanni e Vedova allegra i titoli succulenti del 2017; Lo Schiaccianoci e Carmen le chicche della danza. Una proposta sinfonica all’insegna di capolavori assenti dal nostro Teatro da molti anni e in alcuni casi mai prima d’ora ascoltate. Il tutto con grandi interpreti per una grande Stagione”.
La nottata deve passare, insegna Eduardo. Se la situazione finanziaria e gestionale del Teatro Stabile di Catania è ancora carica di problematiche, tanto più intenso è lo sforzo inconferenza_stampa_teatri_congiunti atto rivolto a superarle.
Il commissario dello Stabile Giorgio Pace ha detto: “Aprire una via per la ripresa e il rilancio dell’istituzione: in questa prospettiva rientra la sfida di promuovere la nuova stagione, che segue senza soluzione di continuità quelle che l’hanno preceduta, dal 1958 ad oggi. Nessuno iato, nessuna interruzione. L’obiettivo convergente di questa duplice azione è risanare il teatro per restituirlo al ruolo di servizio pubblico che gli compete, e così riconsegnarlo alle migliaia di spettatori che da quasi sessant’anni costituiscono la sua forza”.
Infine, il consulente artistico del Teatro Stabile, il regista Giovanni Anfuso è intervenuto dicendo: “La stagione che sono stato chiamato ad impaginare porterà sulle scene dello Stabile ancora grandi titoli e grandi interpreti. Ho rispettato la storia del teatro in cui sono cresciuto, introducendo qualche elemento di discontinuità e nomi nuovi, come quello di Giuliana De Sio, che non era mai stata ospite dello Stabile. Voglio infine sottolineare l’importanza di fare vivere il teatro fuori dalle tavole del palcoscenico e di trattare temi sociali, come avverrà con la rassegna “Altrove: il teatro va in città”. Un’apertura che ci permetterà di raggiungere il pubblico nei luoghi storici di Catania e avviare un dialogo democratico con la società civile”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook