Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

VIOLENTATA VICINO LA STAZIONE DI PALERMO

VIOLENTATA VICINO LA STAZIONE DI PALERMO

Ventunenne violentata dopo aver accettato un passaggio in auto. Accetta un passaggio in auto e poi il dramma dello stupro. La Polizia ha fermato un tunisino.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

VIOLENTATA VICINO LA STAZIONE DI PALERMO –

Palermo. I poliziotti della questura centrale del capoluogo siciliano hanno fermato un tunisino con l’accusa di avere violentato una ragazza siciliana di ventuno anni. Lo stupro sarebbe avvenuto nei pressi della stazione centrale. Il presunto violentatore avrebbe commesso il reato due giorni fa. L’uomo è stato fermato dagli agenti delle volanti della polizia e della sezione reati sessuali della squadra mobile. La giovane ha denunciato la violenza alla polizia ed è stata visitata in una struttura ospedaliera cittadina. Il cittadinopolizia_controlli tunisino avrebbe dato un passaggio alla ragazza, ma la dinamica della notte terribile raccontata dalla ventunenne è ancora al vaglio degli inquirenti. Infatti, gli investigatori sono al lavoro per ricostruire anche con l’ausilio di telecamere e testimoni i dettagli dell’aggressione sessuale. L’uomo si trova in carcere in attesa dell’udienza di convalida.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook