ARTIGIANATO IN CRISI: SPARITE 3MILA IMPRESE ETNEE

ARTIGIANATO IN CRISI: SPARITE 3MILA IMPRESE ETNEE

La Cna (Confederazione Nazionale Artigianato) di Catania constata la crisi del settore artigianato accusa Comune e Regione: "artigianato in crisi e ci massacrano con le tasse".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ARTIGIANATO IN CRISI: SPARITE 3MILA IMPRESE ETNEE –

Si è tenuta l’assemblea provinciale della Cna (Confederazione Nazionale Artigianato) di Catania alla quale hanno partecipato gli iscritti del settore. Nel corso dell’incontro si sono trattate le problematiche della categoria che hanno determinato la frustrazione e inquietudine dell’intero consesso. Il quadro tracciato dalla Confederazione è preoccupante e in merito è intervenuto il segretario cna_assemblea_catania_2016Andrea Milazzo che ha detto: “Nel 2015 l’economia siciliana ha mostrato segnali di ripresa superiori alle previsioni, ma non per l’artigianato. E’ l’unica categoria che continua a registrare un netto calo delle imprese. Negli ultimi otto anni – continua il segretario Andrea Milazzo – si sono perse 12.136 aziende siciliane, a Catania 3.007. Nella nostra provincia quasi tutti i settori versano ancora in un pessimo stato di salute. Le performance peggiori riguardano i trasporti, che in pochi anni hanno perso il 19,33% delle imprese, l’edilizia il 12,31%, la metalmeccanica il 15,85%, il legno il 36,56%, l’autoriparazione il 9,80%”.
Gli artigiani, “non ne possono più di pagare imposte su redditi non ancora incassati – conclude Milazzo – non accettiamo più di pagare la Tari anche per quelle aree dove produciamo rifiuti che siamo già costretti a cna_assemblea_ct_bonura_milazzo_maccio_francesconismaltire a nostre spese. Riteniamo del tutto inaccettabile pagare l’Imu sugli immobili che ci servono per lavorare. A Catania ci ritroviamo a sopportare un prelievo complessivo del fisco sugli utili di impresa pari al 68,5%”.
Intanto sono partite le critiche a Comune e Regione: “L’amministrazione catanese è inerte rispetto ai temi della tassazione, del contrasto all’abusivismo e della mancata regolamentazione dei controlli sugli impianti termici. Non si comporta meglio la Regione siciliana, che per scelta non destina risorse significative al credito agevolato né alla patrimonializzazione dei confidi e che ritarda la pubblicazione dei bandi, l’ultima grande occasione di sviluppo per l’Isola”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook