Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ROGO DENTRO CASOLARE, ALTRO ARRESTATO

ROGO DENTRO CASOLARE, ALTRO ARRESTATO

Il caso dei fidanzati rimasti ustionati da un attentato con bottiglia molotov pare sia in fase di risoluzione. Dopo l'arresto di Benedetto Fici, uno dei responsabili dell’aggressione è stata valutata dagli inquirenti anche la complicità di Antonino Faraone 78 anni che è stato fermato.

 

 

ROGO DENTRO CASOLARE, ALTRO ARRESTATO –

Gli investigatori della polizia di Palermo hanno individuato un presunto complice di Benedetto Fici, 77 anni, la persona fermata ieri con l’accusa di avere lanciato alcune bombe molotov contro due fidanzati che dormivano all’interno di una tenda montata all’interno di un casolare nelle campagne della borgata palermitana di Ciaculli in provincia di Palermo. L’indiziato di complicità si chiama Antonino Faraone, 78 anni, ed è accusato di concorso con Fici, di duplice tentato omicidio, lesioni aggravate e porto abusivo di armi da guerra. Umberto Vittorio Geraci, 22 anni, ed Ernesta Jessica Modica, 23anni, sono le vittime del raid incendiario che li ha gravemente ustionati. Intanto, il giovane è ancora in pericolo di vita. Le vittime, lunedì scorso si trovavano nel casolare che rogo_dentro_casolare_ciaculliGeraci occupava con una tenda dopo essersi allontanato da casa per dissidi con i suoi familiari. La permanenza di Geraci in quel luogo avrebbe provocato le proteste di alcuni residenti della zona, fra i quali lo stesso Faraone e Fici, i quali, lo avrebbero più volte aggredito per dissuaderlo a lasciare il casolare.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook