Archiviato in | Musica, Spettacolo

TEATRO BELLINI, LA PRIMA DI TURANDOT – INTERVISTE

TEATRO BELLINI, LA PRIMA DI TURANDOT – INTERVISTE

Puccini compose quest'opera nel 1926 influenzato dall'orientalismo musicale europeo dell'epoca. Il musicista lucchese scelse una Cina ambientata al tempo delle favole e una protagonista assai poco tradizionale, una figura simbolica una principessa dall'orgoglio smisurato che soffoca in sé ogni sentimento umano, interpretata da una poderosa cantante conosciuta in tutto il mondo il soprano drammatico l’americana Susan Neves.

 

 

TEATRO BELLINI, LA PRIMA DI TURANDOT – INTERVISTE

Ieri sera al Teatro Massimo Bellini di Catania la prima di Turandot di Giacomo Puccini. Puccini compose quest’opera nel 1926 influenzato dall’orientalismo musicale europeo dell’epoca. Il musicista lucchese scelse una Cina ambientata al tempo delle favole e una protagonista assai poco tradizionale, una figura simbolica una principessa dall’orgoglio smisurato che soffoca in sé ogni turandot_2sentimento umano, interpretata da una poderosa cantante conosciuta in tutto il mondo il soprano drammatico l’americana Susan Neves. Come ha ben definito il regista Massimo Gasparon nell’intervista: “Turandot è un vero e proprio personaggio freudiano. Odia gli uomini perché una sua antenata era stata violentata durante un’invasione e quindi il padre per preservarla le aveva vietato di provare l’amore. Quando incontra il principe ignoto che la sfida sul suo stesso campo, l’intelligenza emotiva,  lei tracolla riconoscendoturandot_1 l’Amore, quello con la A maiuscola. La scenografia è fissa per tutti e tre gli atti. Ho dato rilievo al movimento delle masse sociali, ai cori che salgono e scendono su delle scale rosse, la statua dorata della dea Kalì dalle mille braccia che simboleggia il femminile, due statue di Budda giovane seduto ai lati del palazzo dell’Imperatore Altoum che simboleggiano il maschile. La principessa sta in alto, irraggiungibile dal portone del suo palazzo schiaccia e polverizza il principe ignoto Calaf (il tenore coreano Sun Kyu Park). L’odio sanguinario di Turandot si realizza nel sacrificio di Liù (il soprano Rosanna Savoia) innamorata del principe solo perché una volta colse il suo sguardo”.

Sono piccole e grandi tragedie che si svolgono sotto gli occhi di un teatro attento alle sfumature e alla sobrietà della messa in scena. Una nota comica sono i tre ministri cinesi Ping (il baritono Giovanni Guagliardo) Pang (il tenore Saverio Pugliese) e Pong (il tenore Gianluca Bocchino) che riescono a condurre in maniera piuttosto acrobatica le mirabolanti avventure di un principe che sta per

essere decapitato. Completano il cast il direttore d’orchestra  Antonio Pirolli e il regista scene e costumi Pier Luigi Pizzi, il coro.

Susanna Basile

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook