Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ARRESTATI TRE AGENTI DELLA POLSTRADA PER CORRUZIONE

ARRESTATI TRE AGENTI DELLA POLSTRADA PER CORRUZIONE

La polizia di Stato ha arrestato tre agenti della Polstrada. L’accusa è corruzione. Gli agenti vessavano imprenditori e commercianti L’indagine è coordinata dalla Procura di Palermo.

 

 

ARRESTATI TRE AGENTI DELLA POLSTRADA PER CORRUZIONE –

Tre agenti della Polizia stradale di Palermo sono finiti in manette dopo un’indagine della squadra mobile del capoluogo siciliano coordinata dal Procuratore aggiunto di Palermo Bernardo Petralia. Ad accusare gli agenti un imprenditore. I tre poliziotti, sono gli assistenti capo Nicolino Di Biagio, Giuseppe Sparacino e Francesco Paolo Minà. I tre devono rispondere dell’accusa di corruzione, concussione e falso, avrebbero ricattato per mesi alcuni imprenditori e commercianti con multe e controlli continui. Le vittime hanno denunciato tutto. Così è scattata l’inchiesta della sezione reati contro la pubblica amministrazione della Mobile, diretta da Silvia Como. I tre sono agli arresti domiciliari.
Successivamente alla segnalazione è partita l’inchiesta della procura che è stata coordinata dal procuratore Pierangelo Padova. Nel mirino ci sarebbero stati piccoli commercianti e imprenditori sottoposti a multe e controlli a raffica. A far scattare le indagini due imprenditori che hanno raccontato tutte le vessazioni alle quali erano sottoposti. Pare che i tre agenti per cancellare i verbali o ridurne l’importo ricevano regali.
Attraverso delle intercettazioni gli investigatori hanno rilevato che i poliziotti indagati avevano fermato il mezzo di una ditta e nel contempo avevano elevato una contravvenzione che prevedeva il sequestro del mezzo e una pesante multa. Per ridurre la sanzione il commerciante pagò dei soldi e fece dei regali agli agenti. In un altro caso gli agenti avrebbero preteso dei soldi per camion_scrivere nel verbale che un camionista era in possesso di una particolare abilitazione alla guida, richiesta per la tipologia di merce trasportata: abilitazione che in realtà non possedeva.
L’indagine è stata coordinata dalla procura di Palermo e gli indagati sono accusati di corruzione, concussione e falso in atto pubblico, avrebbero preteso mazzette per evitare multe salate sui mezzi commerciali fermati sulla autostrada Palermo Mazara del Vallo durante i controlli.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook