Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

APPALTI E MAZZETTE AD ACICATENA, INDAGATI DAVANTI AL GIP

APPALTI E MAZZETTE AD ACICATENA, INDAGATI DAVANTI AL GIP

Sono comparsi davanti al Gip, il sindaco di Aci Catena e l'imprenditore Cerami. Si è avvalso della facoltà di non rispondere il consigliere comunale Barbagallo.

 

 

APPALTI E MAZZETTE AD ACICATENA, INDAGATI DAVANTI AL GIP –

Aci Catena (Ct). Il Gip Anna Maggiore, li ha interrogati nel carcere di Catania e il sindaco di Aci Catena, Ascenzio Maesano, e l’imprenditore Giovanni Cerami hanno risposto alle sue domande. Gli indagati sono stati fermati due giorni fa dalla Dia con l’accusa di corruzione contraria ai doveri d’ufficio. Mentre il terzo indagato, il consigliere comunale e presidente della commissione Finanza, Orazio Barbagallo si è avvalso della facoltà di non rispondere. Intanto la Procura ha secretato gli interrogatori. Ora, Il Giudice delle indagini preliminari dovrà decidere sulla convalida del fermo disposto dalla Procura e sulla contemporanea richiesta di emissione di un’ordinanza di custodia cautelare. Nel corso delle indagini, la Dia di Catania, si è avvalsa anche di intercettazioni e pedinamenti, finalizzati ad accertare l’esistenza di una presunta tangente da 15mila euro che l’imprenditore, secondo l’accusa, avrebbe consegnato al consigliere comunale, che ha poi equamente divisa con il sindaco, per il rinnovo del contratto di fornitura del servizio di assistenza e manutenzione dei sistemi software e hardware del Comune di Aci Catena. In più si aggiunge l’aggiudicazione del progetto esecutivo ‘Home Care’ finanziato dall’Unione europea per un totale di 252mila euro.

Giuseppe Marletta legale di Maesano, ha chiesto, a conclusione dell’interrogatorio, che il suo assistito venga nuovamente sentito dal Gip per fornire chiarimenti e precisazioni su quanto ha affermato. Il difensore dell’imprenditore, l’avvocato Attilio Floresta, ha confermato che il suo assistito ha risposto alle domande, ma dia_schermata_arresti_acicatenanon ha fornito nessun elemento sull’interrogatorio. Orazio Consolo avvocato di Barbagallo, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Come sottolineato dal procuratore Carmelo Zuccaro, ancora sono in corso accertamenti sia sulla fuga di notizie che sono emerse dalle indagini e dai comportamenti dei tre indagati che temevano di essere intercettati, sia sullo stesso contratto e la sua estensione nel tempo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook