SANITÀ SICILIANA: MINISTERO BLOCCA LA REGIONE, NIENTE ASSUNZIONI

SANITÀ SICILIANA: MINISTERO BLOCCA LA REGIONE, NIENTE ASSUNZIONI

La Di vita afferma che: “il ministero della Salute ha comunicato che all’assessorato regionale sono fermi al primo step, rappresentato dal decreto assessoriale 1188 del 29 giugno 2016, da intendersi, sono parole del governo, come un mero atto ricognitivo e che non ha nessuna valenza di atto costitutivo”. Quindi: “nessuna assunzione in vista nella sanità siciliana”.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SANITÀ SICILIANA: MINISTERO BLOCCA LA REGIONE, NIENTE ASSUNZIONI –

La deputata alla Camera Giulia Di Vita, basandosi su una risposta ad una sua interrogazione arrivata oggi in commissione Affari Sociali a Montecitorio, annuncia una brutta notizia per la sanità siciliana. Infatti, la risposta rimanda tutto, forse anche di qualche anno. La Di Vita afferma che: “Nessuna assunzione in vista nella sanità siciliana. Come da sempre denunciato a tutti i livelli dal M5S, le strombazzate stabilizzazioni e le nuove immissioni in ruolo negli ospedali sono una bufala dal sapore esclusivamente pre-elettorale”. Sempre la deputata afferma che: “In soldoni, il ministero della Salute ha comunicato che all’assessorato regionale sono fermi al primo step, rappresentato dal decreto assessoriale 1188 del 29 giugno 2016, da intendersi – sono parole del governo- come un mero atto ricognitivo e che non ha nessuna valenza di atto costitutivo”.
Sempre il ministero comunica che: “Il decreto assessoriale 1188 non può intendersi nemmeno come atto programmatorio… in quanto il documento di programmazione, volto all’allineamento delle della rete ospedaliera agli standard organizzativi del dm 70/2015… era definito nei tempi fissati dal programma operativo di consolidamento e sviluppo per il triennio 2016-18 con un apposito provvedimento… seguendo il previsto necessario iter amministrativo che coinvolge le Conferenze dei sindaci, le Commissioni ex articolo 6 CCNL Sanità, la commissione legislativa regionale e la giunta regionale di governo”.
rivogliamo_lospedale_sanita_“Al momento attuale  gli esperti dell’assessorato stanno rivalutando e perfezionando, sempre alla luce del dm 70/2015, la rete della rianimazione e delle terapie intensive. Completate tali attività sarà avviata la definizione dettagliata della rete dell’emergenza-urgenza e quindi della rete ospedaliera: una volta definita la bozza di piano, la stessa sarà sottoposta, secondo la rispettiva competenza, alle istituzioni ed organismi previsti dalla legislazione vigente e dai contratti collettivi”.
La parlamentare Di Vita conclude che: “Alla luce di quanto comunicato dal ministero continuare a parlare di assunzioni a breve termine, oltre che assolutamente fuori luogo è assolutamente di cattivo gusto, visto che si gioca sulla pelle di essere umani. Non solo, il ritardo nelle assunzioni innescherà anche il problema della scadenza della graduatorie attualmente vigenti, che a dicembre saranno carta straccia, penalizzando ulteriormente chi ha coltivato a lungo il sogno di aver trovato finalmente un lavoro. Auspico che il governo regionale, dopo questa ennesima figuraccia, smetta di continuare questo teatrino, sopratutto in vista della prossima campagna elettorale, e che eviti di usare la sanità come mezzo di propaganda”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook