CROCETTA SOSTIENE IL COMITATO “GAE INFANZIA”

CROCETTA SOSTIENE IL COMITATO “GAE INFANZIA”

Il presidente Crocetta ha incontrato gli insegnati precari che chiedono l'immissione in ruolo. Per risolvere la crisi sul tavolo della Regione una piattaforma presentata dal comitato Gae.

 

 

CROCETTA SOSTIENE IL COMITATO “GAE INFANZIA” –

Palermo. Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, ha incontrato venerdì scorso, nella sede del Comune di Taormina, una delegazione di docenti appartenenti alle graduatorie ad esaurimento della Scuola dell’Infanzia e i rappresentanti del Comitato “Gae Infanzia-una voce senza merito. E’ la stessa delegazione di docenti che durante la festa dell’Unità a Catania a margine di un suo intervento accostò il presidente della Regione esponendo la drammatica condizione in cui, oggi, si ritrovano un’intera classe di insegnanti dopo circa 20 anni di precariato.
Sul tema dell’incontro Crocetta, aveva già partecipato a una riunione operativa a Catania con il coordinatore provinciale del Megafono, Giuseppe Caudo, in merito il presidente ha affermato: “assicuro il massimo sostegno del governo regionale al delicato momento delle insegnanti precarie siciliane e ha accennato della possibilità di attuazione del tempo pieno anche in Sicilia. Riforma che da un lato può risolvere la triste vicenda di migliaia di docenti precarie, da decenni, e oggi fuori dal mondo della scuola per delle scelte che arrivano dal governo nazionale, dall’ altro può avvicinare la Sicilia al resto d’Italia, ampliando l’offerta formativa e aiutando le giovani madri siciliane ad un più facile inserimento nel mondo del lavoro”.
Nel merito è intervenuto anche Caudo che ha precisato: “In questi anni ho seguito molte vertenze, ma la manifestazione della settimana scorsa mi ha colpito per partecipazione e per le ragioni stesse della vertenza da un lato i docenti che trasferiti al crocetta_giornalistinord chiedono di tornare in Sicilia dall’altro le precarie Siciliane che restano a casa. Invece di fare una lotta tra posizioni deboli il Comitato ci ha rassegnato una piattaforma, che serve si a risolvere la loro personale problematica ma che più in generale ci consegnerebbe una scuola complessivamente più avanzata, tempo pieno, meno bambini per singola classe, in pratica un scuola più Europea”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook