AGGRESSIONI ALL’OSPEDALE VITTORIO EMANUELE DI CATANIA

AGGRESSIONI ALL’OSPEDALE VITTORIO EMANUELE DI CATANIA

I sindacati del settore sanitario lanciano l’allarme in merito alle aggressioni che continuano ad avvenire all’ospedale Vittorio Emanuele di Catania: le vittime sono medici e infermieri del pronto soccorso. I sanitari sono sempre più a rischio ed esposti in prima persona.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

AGGRESSIONI ALL’OSPEDALE VITTORIO EMANUELE DI CATANIA –

Catania. Tre nuove aggressioni nel pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele di Catania sarebbero avvenute ieri durante i turni pomeridiano e serale, lo comunicano i sindacati Anaao-Assomed e Fsi.
In una nota i sindacati intervengono a difesa dei lavoratori del settore: “I pronto soccorso sono sempre di più territorio di nessuno, sovraffollati e senza controlli, diventano un rischio sia per il personale sanitario sia per i pazienti. Questi ultimi, infatti hanno tempi di attesa lunghissimi, oppure stazionano per ore o giorni su barelle inadatte, spesso vengono visitati in sale sovraffollate o nei corridoi, senza la minima possibilità di privacy. Familiari e pazienti inveiscono con infermieri e medici, non solo protestando ma anche con violente fisiche, fino all’aggressione. Il personale è sempre più a rischio per una situazione di cui sono le prime vittime”.
Anaao-Assomed e Fsi Fsi precisano che: “venga ridata la giusta dignità sia a chi opera all’interno dell’ospedale, sia ai cittadini che vi accedono e si impegnano ad intraprendere tutte le iniziative, anche legali, volte alla tutela della salute pubblica e ospedalevittorioemanuelecataniadei lavoratori”. Inoltre  i responsabili del sindacato hanno chiesto un incontro con il prefetto e il sindaco per discutere della sicurezza negli ospedali catanesi. Chiedono inoltre che: “le cariche istituzionali si facciano anche loro portavoce nei confronti del ministro dell’Interno per sanare questa emergenza, prima che possa accadere il peggio”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook