Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAXI CONFISCA DA CENTO MILIONI

MAXI CONFISCA DA CENTO MILIONI

Nel mirino degli inquirenti il patrimonio dell'imprenditore edile Calcedonio Di Giovanni. L’uomo è sospettato di essere vicino al clan Agate di Mazara del Vallo. Sigilli al villaggio turistico "Kartibubbo" a Campobello di Mazara che avrebbe ospitato anche latitanti.

 

 

MAXI CONFISCA DA CENTO MILIONI –

Confiscato definitivamente all’imprenditore Calcedonio Di Giovanni, originario di Monreale (Palermo) ma con interessi economici nel Trapanese, un patrimonio immobiliare che comprende oltre 400 unità abitative per un valore complessivo di oltre cento milioni. Nel patrimonio confiscato, oltre a società con sedi a San Marino e Londra, rientra anche il noto villaggio turistico “Kartibubbo”, sul litorale di Campobello di Mazara, che avrebbe ospitato in diverse occasioni mafiosi latitanti. La sezione misure di prevenzione Tribunale di Trapani su proposta, avanzata dal direttore della Dia Nunzio Antonio ha emesso il relativo provvedimento di confisca sulla base delle indagini condotte dalla Dia.
Il Tribunale di Trapani aveva sequestrato a Di Giovanni il suo patrimonio già nel 2014. Secondo gli inquirenti, pur non risultando formalmente affiliato, sarebbe stato “contiguo” a Cosa Nostra, in particolare con la famiglia Agate di Mazara del Vallo. Di recente l’imprenditore, attraverso meccanismi fraudolenti, avrebbe avuto accesso a cospicui finanziamenti pubblici nazionali e comunitari coinvolgendo nei propri progetti anche interessi della mafia di Castelvetrano. Gli investigatori hanno accertato una palese sperequazione fra i redditi dichiarati da Di Giovanni e il suo patrimonio, riconducibile, in gran parte, a proventi illeciti derivanti da lottizzazioni abusive, truffe, omissioni contributive, fatturazioni per operazioni inesistenti e di bancarotta per distrazione.dia_1
Il Tribunale di Trapani ha quantificato che avrebbe evaso il fisco, nei confronti dell’Erario per oltre sessanta milioni di euro. A Di Giovanni, inoltre, sono stati imposti anche tre anni di sorveglianza speciale, con obbligo di dimora nel luogo di residenza

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook