Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CROCETTA SENTITO DALLA COMMISSIONE ANTIMAFIA

CROCETTA SENTITO DALLA COMMISSIONE ANTIMAFIA

Il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta presenta due dossier alla Commissione Antimafia.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CROCETTA SENTITO DALLA COMMISSIONE ANTIMAFIA –

Oggi in Commissione Antimafia, il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, ha presentato due dossier che riguardano episodi vissuti durante la sua presidenza, dice: “perché rivelano il contesto e il clima in cui il mio governo si è dovuto confrontare sin dall’inizio”. Inoltre Crocetta ha affermato: “Eravamo ai primi di novembre del 2012 e arrivò una telefonata dagli Stati Uniti ad un mio collaboratore che disse: dite al presidente che farà la fine di Mattarella”. Poi ne sono arrivate tante altre, che vanno da telefonate anonime a proiettili ricevuti, alla minaccia di essere ammazzato insieme ad Antoci. Sono una persona molto serena e non posso pensare che quelle minacce vengano da fonti istituzionali. Non ho mai dato molto peso alle minacce, ormai ci ho fatto il callo, è una vicenda che vivo sin dalla mia elezione a sindaco di Gela nel 2003. Non mi faccio impressionare, diciamo che finora sono stato fortunato”. Poi in conclusione Crocetta ha ribadito: “Un politico può trovare da ridire ma un amministratore non ha scelte: il ministero della Difesa ci chiedeva 39 mila euro al giorno per il mancato funzionamento, la Regione sarebbe fallita nel girocrocetta_conferenza di pochi mesi”.Al termine dell’audizione ha risposto velocemente ai giornalisti che gli chiedevano se si trattasse di minacce legate al Muos, ha risposto: “Come si fa a dire? Anche perché poi la questione del Muos l’ha risolta sostanzialmente la magistratura, un po’ come è successo per il termovalorizzatore di Parma”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook