Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DELITTO LORIS: VERONICA IN AULA PER LA REQUISITORIA

DELITTO LORIS: VERONICA IN AULA PER LA REQUISITORIA

Cominciata requisitoria del processo sul caso Loris a Ragusa. Il legale della mamma accusa di aver ucciso il figlio: "Continua a ribadire la sua innocenza". In aula anche il padre, il marito e il suocero.

 

 

DELITTO LORIS: VERONICA IN AULA PER LA REQUISITORIA –

Ragusa. Ultime battute per Veronica Panarello che è entrata in aula, scortata dalla polizia penitenziaria, sempre vestita di nero. Presenti all’udienza il padre Francesco, che continua a ritenerla innocente, e il marito Davide Stival, che “non le crede”. Presente anche il suocero Andrea, che lei accusa di essere stato il suo amante e di essere l’esecutore materiale del delitto.
Veronica Panarello si presenta prima dell’inizio dell’udienza del processo col rito abbreviato davanti al Gup di Ragusa, Andrea Reale, dove è imputata di omicidio premeditato e occultamento di cadavere del figlio Loris, di 8 anni. l’avvocato Francesco Villardita definisce lo stato d’animo della sua assistita: “E’ tesa perché parliamo di un reato che prevede pene gravi in caso di condanna, e lei continua a ribadire che non ha ucciso il bambino”. Così In aula La requisitoria dell’Accusa è cominciata e sono presenti il procuratore Carmelo Petralia e il sostituto Marco Rota.
Per gli investigatori il nonno di Loris “non è collocabile” nella casa della donna il 29 novembre del 2014 al momento delitto. Mentre l’avvocato Francesco Biazzo che assiste Andrea Stival accusa Veronica Panarello: “Mente dicendo il falso le carte processuali la smentiscono. E non sono stati amanti. Finalmente si avvicina il giorno della verità e della giustizia per il bambino”.
Villardita legale della Panarello dal canto suo commenta: “Non c’è la ‘pistola fumante’ che dimostra la sua presenza in casa, ma ci sono tanti piccoli elementi che, come in un puzzle, lo acclarano. Poi sarà il giudice a decidere”. Davide Stival marito della Panarello in merito al coinvolgimento del padre Andrea nel delitto non ci crede, osserva il suo legale Daniele Scrofani: “Abbiamo le nostre idee ma Davide non le crede. La presunta relazione? Premesso che non possiamo escludere neppure che ci sia il terremoto tra poco, pensiamo che non rientri nel campo del possibile, ma non ci sono elementi. Nessuno”. E’ previsto che la requisitoria si concluda in giornata, con la richiesta della condanna di Veronica Panarello.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook