Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RIORGANIZZAVANO I CORLEONESI, 12 ARRESTI

RIORGANIZZAVANO I CORLEONESI, 12 ARRESTI

Blitz antimafia dei carabinieri. Carmelo Gariffo, nipote di Bernardo Provenzano, insieme ad alcuni fedelissimi del boss volevano ricostruire lo storico clan. Dodici arresti, in manette anche due incensurati che volevano far uccidere un parente.

 

 

RIORGANIZZAVANO I CORLEONESI, 12 ARRESTI –

Palermo. Su richiesta della Procura Distrettuale di Palermo il gip Fabrizio Anfuso ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare che in queste ore stanno effettuando i carabinieri nei confronti di 12 persone accusate a vario titolo di associazione di tipo mafioso, nonché dei reati di estorsione e danneggiamento. Le indagini sono state coordinate dei sostituti procuratori Sergio Demontis, Caterina Malagoli, Gaspare Spedale e dal procuratore aggiunto Leonardo Agueci. Nei confronti di 2 persone che avevano intenzione di uccidere contestualmente sarà applicata la misura di sicurezza provvisoria della libertà vigilata della durata di 2 anni.
L’operazione, parte da una ricerca investigativa sviluppata dal Nucleo Investigativo del Gruppo di Monreale e dalla Compagnia Carabinieri di Corleone in direzione del mandamento mafioso di Corleone e delle famiglie di Chiusa Sclafani e Palazzo Adriano, ha consentito di disegnare i nuovi assetti di vertice di Cosa Nostra in questi comuni.
Nella zona di Corleone sono stati, verificati numerosi episodi di intimidazione e controllo del territorio. Secondo quanto accertato dalle indagini condotte dai carabinieri Carmelo Gariffo, nipote di Bernardo Provenzano, uscito dal carcere nel 2014 stava tentando di mettersi in gioco e riprendere le fila della cosca.
Gariffo arrestato nel 2006 era uno degli uomini che smistava i ‘pizzini’ durante la latitanza del boss corleonese e poteva contare su un gruppo di uomini fedeli: l’allevatore Bernardo Saporito gli faceva da autista; l’operaio forestale stagionale Vincenzo Coscino, da gregario. Inoltre, il giudice delle indagini preliminari Fabrizio Anfuso ha firmato un’ordinanza di custodia cautelare per un altro forestale a contratto, Vito Biagio Filippello.
Le indagini sono state condotte dei sostituti procuratori Sergio Demontis, Caterina Malagoli, Gaspare Spedale e dal procuratore aggiunto Leonardo Agueci.
Fra gli arrestati, il capo cantoniere Francesco Scianni, il figlio del capomafia Rosario Lo Bue, Leoluca, e Pietro Vaccaro, questi  ultimi due sono allevatori. Hanno ricevuto un’ordinanza in carcere per le estorsioni Antonino Di Marco, Vincenzo Pellitteri e Pietro Masaracchia, boss già arrestati qualche mese fa. Inoltre, Masaracchia era stato intercettato mentre parlava di un progetto di arresti_carabinieriattentato contro il ministro dell’Interno Angelino Alfano. Tra gli arrestati anche Francesco Geraci, nipote e figlio di un capomafia deceduto.
Dalle indagini è emerso che due incensurati di Palazzo Adriano, Gaspare e Pietro Gebbia, padre e figlio si erano rivolti agli uomini del clan per uccidere un parente, che ritenevano di troppo nella divisione di un’eredità. Un progetto sventato dalle indagini dei carabinieri. I due avrebbero assoldato due uomini che dovrebbero essere proprio Pellitteri e Masaracchia promettendo la somma di tremila euro. Una decina di imprenditori vessati dalla cosca hanno contribuito alle indagini con le loro denunce e interrogati dagli investigatori hanno ammesso di avere pagato il pizzo.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook