Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

VERONICA PANARELLO: “LORIS L’HA UCCISO MIO SUOCERO”

VERONICA PANARELLO: “LORIS L’HA UCCISO MIO SUOCERO”

Prosegue il processo a Ragusa per il delitto del piccolo Loris Stival. In aula Veronica Panarello ha ribadito la sua versione: "Mio figlio ci aveva sorpreso, io gli ho legato le mani e Andrea lo ha strangolato con un cavo mentre ero fuori dalla stanza".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

VERONICA PANARELLO: “LORIS L’HA UCCISO MIO SUOCERO” –

Veronica Panarello nella prima parte delle dichiarazioni spontanee rese davanti al gup di Ragusa, Andrea Reale, ha ribadito la sua verità. Ha accusato il suocero Andrea Stival di avere ucciso il piccolo Loris, che “aveva visto qualcosa che non doveva vedere”, tra il nonno e la mamma.
La deposizione è durata un’ora durante la quale, la donna ha ribadito la sua ultima ricostruzione del delitto di Santa Croce Camerina: il suocero era in casa con lei, su suo ordine avrebbe legato le mani al bambino con delle fascette. Poi lei sarebbe uscita dalla stanza per rispondere a una telefonata. Al ritorno avrebbe trovato il figlio morto, strangolato dal suocero con un cavo usb grigio.
Sempre secondo la Panarello, il corpo è stato avvolto in un plaid, caricato in auto e portato nel canalone di contrada Mulino Vecchio di Santa Croce Camerina. Intanto le indagini di polizia e carabinieri il suocero Andrea Stival non era nella casa di Veronica Paanarello. Proprio su questo punto della sua ricostruzione, la donna ha provato ad essere convincente sulle sue affermazioni precisando: “il fatto che non riesca a dimostrare che mio suocero fosse in casa con me al momento del delitto non significa che non ci fosse…”. Dopo aver deposto in aula l’imputata è apparsa affaticata e stanca.
Francesco Villardita legale della donna, prima dell’udienza, aveva definito la sua cliente: “agguerrita, ma serena. E soprattutto sicura di sé. Veronica Panarello sta bene, anche perché si è liberata di un grande peso che per paura aveva tenuto nascosto da tempo”.
Lo scorso febbraio, l’indagata aveva chiamato in correità nel delitto il suocero Andrea Stival, padre del marito Davide accusandolo di essere il suo amante e di essere coinvolto nel delitto del piccolo Loris. Il suocero Stival è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Ragusa, come atto dovuto.panarello_veronica
Davide Stival, che nei giorni scorsi è tornato a incontrare la moglie in carcere, ha deciso di non presenziare all’udienza. “Oggi è la sua ultima occasione: dica veramente quello che è accaduto, per portare elementi concreti. Fino ad adesso non le credo”.
L’avvocato Daniele Scrofani ricostruendo lo stato del papà del piccolo Loris ha tenuto a precisare che: “Il mio assistito non crede al coinvolgimento del padre”, che secondo Veronica avrebbe ucciso Loris perché il bambino minacciava di rivelare al padre la loro relazione. “A oggi non ci sono elementi concreti e la Procura ha fatto tutti gli accertamenti possibili”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook