Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRUFFA ALL’INPS DA FINTI RESIDENTI IN SICILIA

TRUFFA ALL’INPS DA FINTI RESIDENTI IN SICILIA

Indagate trentacinque persone che vivono all'estero. L’accusa è una truffa di 2 milioni di euro: avrebbero incassato un assegno sociale di 500 euro al mese.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TRUFFA ALL’INPS DA FINTI RESIDENTI IN SICILIA –

Trentacinque persone residenti all’estero, sono indagate dalla Procura di Sciacca per frode all’Inps: risultavano residenti tra Sciacca, Menfi e Sambuca di Sicilia, in provincia di Agrigento. Principalmente si trovano in Venezuela e Argentina e avrebbero dichiarato di essere residenti in Italia per percepire senza averne diritto un assegno sociale di circa 500 euro al mese.
I trentacinque soggetti denunciati avrebbero complessivamente percepito senza averne diritto complessivamente circa 2,2 milioni di euro, somma per la quale la Procura e la guardia di finanza stanno attivando le procedure di recupero.
Gli investigatori hanno accertato che gli indagati, da molti anni residenti all’estero, sarebbero rientrati in Italia per brevissimo periodo, giusto il tempo di trasferire la residenza e richiedere l’erogazione del beneficio, per poi fare rientro negli Stati di provenienza.
Inoltre, gli agenti della Guardia di finanza hanno anche accertato che una donna non avrebbe comunicato la morte del padre avvenuta oltre due anni fa per continuare ad incassare l’assegno mensile che lo stesso genitore avrebbe incassato illecitamente.gdf_agenti
I militari delle Fiamme gialle della compagnia di Sciacca, in queste ore stanno notificando agli indagati un avviso di conclusione delle indagini preliminari dell’operazione denominata ‘Overland’. I finanzieri nel corso dell’indagine hanno controllato la posizione di oltre 1.400 destinatari di assegni sociali.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook