Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAFIA, ARRESTATI MOGLIE E FRATELLO DEL BOSS TRIGILA

MAFIA, ARRESTATI MOGLIE E FRATELLO DEL BOSS TRIGILA

Su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Catania e del gip del Tribunale etneo gli indagati sono stati tradotti ai domiciliari. I due devono rispondere di associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga e alla gestione diretta dell’attività di spaccio, aggravato dalla finalità mafiosa, per avere agevolato le attività del clan mafioso Trigila.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MAFIA, ARRESTATI MOGLIE E FRATELLO DEL BOSS TRIGILA –

Nunziatina Bianca, 59 anni e Gianfranco Trigila, 42 anni, entrambi di Noto, sono stati arrestati dagli agenti del Commissariato di Avola. Sono rispettivamente, la moglie e il fratello del boss siracusano Antonio Trigila, che sta scontando una condanna all’ergastolo. Su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Catania e del gip del Tribunale etneo sono stati tradotti ai domiciliari. I due devono rispondere di associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga e alla gestione diretta dell’attività di spaccio, aggravato dalla finalità mafiosa, per avere agevolato le attività del clan mafioso Trigila. Gli indagati sono rispettivamente la moglie e il fratello di Antonio Trigila, detto “Pinuccio Pinnintula”, storico capo dell’omonimo clan, attualmente detenuto da più di vent’anni in esecuzione di condanna all’ergastolo.
Le indagini hanno permesso di scoprire un articolato e redditizio traffico di droga organizzato dai vertici del clan Trigila di concerto con la ‘Ndrina calabresefratello_e_moglie_trigila, che, da anni, vanta una base operativa nel milanese.
Inoltre è stato possibile ricostruire il preminente ruolo all’interno del clan di Nunziatina Bianca che in assenza del marito era la portavoce all’esterno delle direttive impartite dal carcere dal boss detenuto e diretta esecutrice delle indicazioni ricevute dal marito.
Nei periodi 2010-15 Il clan Trigila aveva messo su un’intensa e ben organizzata attività di spaccio di droga che portava enormi introiti alla famiglia. Il clan si riforniva direttamente in Lombardia per poi immetterle sul mercato di riferimento, costituito prevalentemente dall’area sud della provincia siracusana.
L’indagine, condotta dagli investigatori ha permesso di appurare, da un lato, come il traffico di droga abbia costituito, sino ad epoca recente, una delle attività maggiormente remunerative del clan mafioso dei Trigila, dall’altro, come la cosca riconosca, ancora oggi, capo Antonio Trigila, detto “Pinuccio Pinnintula”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook