Archiviato in | Musica, Spettacolo

SUCCESSO DI NORMA, TEATRO GREMITO

SUCCESSO DI NORMA, TEATRO GREMITO

La scelta del regista Giandomenico Vaccari di norma_teatro_greco_ctraffigurare Norma in un contesto “spigoloso e aspro” come un teatro di pietra può risaltare “la drammaticità dura ed aspra dell’opera e in definitiva una scelta di contemporaneità”.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SUCCESSO DI NORMA, TEATRO GREMITO –

Ieri sera al Teatro Greco Romano Odeon di Catania la strepitosa prima di Norma. Il teatro era gremito con oltre mille spettatori e l’atmosfera vibrante ne ha reso l’esecuzione mirabile. L’orchestra del Teatro Massimo Bellini diretta dal croato Ivo Lipanovic, è riuscita ad emozionare gli spettatori attenti in un silenzio sacrale. La scelta del regista Giandomenico Vaccari di norma_teatro_greco_ctraffigurare Norma in un contesto “spigoloso e aspro” come un teatro di pietra può risaltare “la drammaticità dura ed aspra dell’opera e in definitiva una scelta di contemporaneità”. Anche nella scelta dei costumi il regista ha evitato la pompa dell’opera classica risolvendo con sai di iuta marroni per il coro e vestiti dello stesso materiale con colori tematici per gli attori: il rosso carnale per il romano Pollione (il tenore coreano Sung Kyu Park) il blu ieratico per Norma (il soprano catanese Daniela Schillaci) il turchese virginale per Adalgisa (la siculo veneta Marina De Liso) come per denotare un trionfo passione, devozione e sacrificio per la tragedia immane.

La scenografia adattandosi all’asperità del luogo ha dimostrato ancora una volta, considerando che non esisteva un sipario e una quinta di palcoscenico, la sagacia degli operatori del Teatro Massimo e la qualità tecnica degli artigiani costruttori. Il coro maschile potente, truccato in maniera grottesca investito di lance e scudi tuonavanorma_3 sulla scena come riverbero di Druidi presenti nella loro sacralità e severa attesa. L’attesa della vendetta della vestale Norma, una mirabile e corposa Daniela Schillaci che ha fatto fibrillare di struggente emozione nella sua Casta Diva immota il pubblico presente.

 

Esente da orpelli trionfali la Norma in onore del 101° anniversario della morte del suo creatore ha evidenziato la tragedia umana di un amore clandestino, vilipeso e tradito. Altre due date per non perdere questa messa in scena che rasenta la perfezione il 25 e il 27 settembre.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook