LAVORATORI QÈ IN PIAZZA A CATANIA

LAVORATORI QÈ IN PIAZZA A CATANIA

Dipendenti del call center di Paternò con i sindacalisti in corteo per le vie di Catania. In 600 rischiano il posto per il fallimento della società. Intanto i sindacati chiedono immediatamente un tavolo di crisi al Mise.

 

 

LAVORATORI QÈ IN PIAZZA A CATANIA –

Catania.  Sono scesi in piazza i lavoratori del call center Qè di Paternò: i dipendenti con il supporto dei sindacati manifestano contro i licenziamenti. Il corteo è partito da piazza Roma e si concluderà con un sit-in davanti al palazzo dell’Esa.
Gli impiegati che rischiano di entrare nel tunnel della precarietà sociale ed economica sono seicento provocando un conseguente impoverimento del nostro territorio. Il segretario generale Slc Cgil, Davide Foti e Antonio D’Amico, segretario generale Fistel Cisl hanno evidenziato: “è una giornata di protesta delle lavoratrici e dei lavoratori del call center per sollecitare le istituzioni locali, regionali e nazionali a una seria e netta presa di posizione. È infatti necessario che si arrivi all’apertura di un ‘tavolo di crisi’ al Ministero dello Sviluppo Economico. Invitiamo tutti i parlamentari nazionali e regionali, sindaci delle provincie catanesi e il sindaco della città metropolitana di Catania, a dare un segnale di vicinanza e solidarietà non solo partecipando alla manifestazione, ma anche impegnandosi in prima linea con atti concreti che portino soluzioni di continuità occupazionale”.
L’onorevole Giovanni Burtone che segue in prima persona la vicenda  ha detto che: “Siamo vicini ai lavoratori di questa società che manifestano per il loro posto di lavoro – è una vicenda che seguo con grande attenzione e preoccupazione. E’ chiaro che la vicenda è complessa ma non possiamo permetterci in questo momento di continuare a perdere posti di lavoro e impoverendo di conseguenza il nostro territorio. Sono al fianco dei dipendenti Qe e seguirò l’evolversi della particolare situazione.
Il sindaco di Belpasso, Carlo Caputo, che partecipa in veste istituzionale alla manifestazione e intervenuto dicendo: “In una terra come la nostra non possono scomparire 600 posti di lavoro in silenzio. Potrebbero scomparire, nel silenzio dei grandi media e della politica che conta, solo se vi fosse una buona alternativa per garantire i livelli occupazionali ai qe_manifestazione_protesta_ctlavoratori. Non è tollerabile che nella mente di alcuni questa nostra Sicilia sia solo una terra di consumo, dove venire a prendere quel che serve per poi lasciare un vuoto. Questi posti di lavoro hanno un valore molto più alto che nel resto d’Italia, vista la difficile situazione economica che vive il Sud. Dobbiamo affrontare il caso Qè cercando imprenditori disponibili a dare continuità all’attività aziendale. Ma dobbiamo anche pensare al futuro creando, ciascuno per le proprie competenze, meccanismi di stabilità che evitino il ripetersi di situazioni analoghe”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook