Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DIA SEQUESTRA BENI A UOMO VICINO A COSCA DI RANDAZZO

DIA SEQUESTRA BENI A UOMO VICINO A COSCA DI RANDAZZO

Sequestrati dalla Dia di Catania società, immobili e conti correnti ad affiliato della cosca Ragaglia di Randazzo. I beni sono considerati riferibili alla mafia della zona.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DIA SEQUESTRA BENI A UOMO VICINO A COSCA DI RANDAZZO –

Il provvedimento è stato emesso dalla Sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Catania su proposta del direttore della Dia Nunzio Antonio Ferla, in sinergia con la Direzione distrettuale antimafia etnea guidata dal procuratore Carmelo Zuccaro. Sotto sequestro un’azienda, immobili, auto e rapporti finanziari per settecentomila euro sono stati sequestrati a Francesco Rosta, 74 anni, presunto elemento di vertice della cosca mafiosa “Ragaglia”, egemone nel comune di Randazzo e collegata ai “Laudani” di Catania.dia2 Confiscata inoltre, una società di forniture agricole che si occupa di foraggio e allevamento di capi di bestiame, tre immobili, appezzamenti di terreno di cui uno con annesso fabbricato, una auto di grossa cilindrata, conti correnti e altri rapporti finanziari ancora da quantificare. I beni sono considerati riferibili alla mafia della zona.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook