Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

UDIENZA MORTE NICOLE, LE RICHIESTE DELLA PROCURA

UDIENZA MORTE NICOLE, LE RICHIESTE DELLA PROCURA

Le richieste della Procura, per quattro indagati il processo e un proscioglimento. Erano tutti indagati per il decesso della piccola durante il trasporto in ambulanza dopo la nascita avvenuta nella clinica Gibiino. Per il direttore sanitario chiesta l‘archiviazione. La decisione del gup è prevista per il 9 novembre.

 

 

UDIENZA MORTE NICOLE, LE RICHIESTE DELLA PROCURA –

Catania. Nell’udienza preliminare sul rinvio a giudizio di cinque persone nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di Nicole Di Pietro, la Procura di Catania ha richiesto al al Gup Alessandro Ricciardolo: processo per quattro imputati e proscioglimento per una quinta posizione. la piccola Nicole era deceduta il 12 febbraio 2015 poco dopo la nascita nella clinica Gibiino, mentre era in corso il trasferimento in ambulanza in un ospedale di Ragusa.
I Pm Alessandra Tasciotti e Angelo Brugaletta lo hanno ribadito per la ginecologa Maria Ausilia Palermo, difesa dall’avvocato Paolo Spanti, il neonatologo Antonio Di Pasquale, rappresentato dal penalista Walter Rapisarda, e l’anestesista Giovanni Gibiino, difeso dall’avocato Piero Granata, indagati per omicidio colposo; e per l’ostetrica Valentina Spanò difesa dall’avvocato Carmelo Peluso, per false attestazioni.
Chiesta invece l’archiviazione della posizione del direttore sanitario Danilo Audibert, assistito dal penalista Sergio Ziccone, indagato per favoreggiamento personale.
Si sono Costituiti parte civile nel procedimento, l’assessorato regionale alla Salute, con l’avvocato Domenico Maimone, i genitori, nonni, bisnonni e zii della bambina, l’associazione di consumatori Codacons e anche la casa di cura.
Citata in giudizio la clinica dai legali dei familiari di Nicole, gli avvocati Michele Ragonesee Mary Chiaromonte. Quindinicole_di_pietro_morte_neonata la clinica Gibiino, si trova nel procedimento col doppio ruolo di parte lesa e in giudizio ed è assistita dal penalista Tommaso Tamburino. La Procura distrettuale di Catania ha coordinato le indagini della squadra mobile della Questura e della sezione Polizia giudiziaria. Inoltre la Procura nell’udienza di oggi ha ribadito l’estraneità di strutture esterne alla clinica nell’inchiesta.
La decisione del Gup Riccardolo è prevista per il 9 novembre prossimo, quando si terrà l’ultima udienza.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook