Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RISARCIMENTO MILIONARIO A BIMBA NATA PREMATURA E DIVENTATA CIECA

RISARCIMENTO MILIONARIO A BIMBA NATA PREMATURA E DIVENTATA CIECA

I consulenti nominati dal giudice sostengono che una diagnosi corretta, effettuata in tempo, avrebbe dato molte possibilità alla bambina anche il cinquanta per cento di probabilità di guarigione. Oggi, la protagonista di questa triste vicenda ha 16 anni.

 

 

RISARCIMENTO MILIONARIO A BIMBA NATA PREMATURA E DIVENTATA CIECA –

Palermo. Sedici anni fa, la bimba era nata prematura e alla trentunesima settimana, secondo i magistrati, non fu sottoposta ai controlli necessari. Dopo un anno dalla nascita la piccola rimase cieca. Proprio per questa vicenda, quattro anni fa, in primo grado era stata emessa una sentenza record che assegnava un milione e 600 mila euro di risarcimento. Con una sentenza, la corte d’appello di Palermo aumenta il risarcimento a un milione 967 mila 118,50 euro. Questo è quanto dovranno pagare alla bambina e ai suoi genitori, l’oculista Luciano Licandro e l’azienda ‘Civico di Palermo’. Così si evince dal quotidiano La Repubblica edizione locale di Palermo. I genitori e la ormai ragazzina offesa sono assistiti dall’avvocato Loris Mantia.
Nel corso della vicenda l’oculista ha subito anche un processo penale: in primo grado era stato assolto, in appello la corte ha ritenuto invece la sua responsabilità, ma la prescrizione gli ha evitato la condanna. Ora secondo i giudici il maxi risarcimento dovrà essere pagato anche dall’Arnas Civico perché la bambina era in cura al Di Cristina. Però è stata comunque esclusa, in sede penale e civile, la responsabilità dell’equipe di neonatologia, che inviò correttamente la piccola all’oculista.
I consulenti nominati dal giudice sostengono che una diagnosi corretta, effettuata in tempo, avrebbe ospedale_civico_palermodato molte possibilità alla bambina anche il cinquanta per cento di probabilità di guarigione. Oggi, la protagonista di questa triste vicenda ha 16 anni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook