COMUNE CATANIA, NUOVI PRESIDENTI PER LE PARTECIPATE

COMUNE CATANIA, NUOVI PRESIDENTI PER LE PARTECIPATE

Un cambiamento nelle società partecipate che dovrebbe garantire supporto e potenziamento cittadino e nell'immediato futuro dovrebbe garantire a livello politico l’approvazione di importanti documenti, primo fra tutti il Piano di riequilibrio rimodulato. Inoltre, non meno importante, il bilancio di previsione 2015, la cui mancata adozione potrebbe comportare lo scioglimento di Consiglio e Giunta.

 

 

COMUNE CATANIA, NUOVI PRESIDENTI PER LE PARTECIPATE –

Catania. Nominati i nuovi presidenti delle società partecipate. La designazione era stata annunciata da tempo. Tra i nominati vi sono nomi conosciuti della passata amministrazione o di gruppi politici che, nella scorsa amministrazione erano al fianco dell’ex primo cittadino. Alessandro Corradi, a cui è stato affidato il compito di guidare la Sidra, ma anche Giuseppe Marletta, assessore nella giunta dell’ex sindaco Stancanelli, che sarà alla guida dell’Asec Trade. Designato come presidente dell’Amt Puccio La Rosa, che fu eletto nel 2008 in quota Alleanza nazionale. Al Pd, partito del primo cittadino, tocca la presidenza della Multiservizi, Giovanni Giacalone, e già consigliere comunale che potrebbe surrogare l’uscente Michele Lombardo. Comunque le riunioni sono tutt’ora in corso e qualche decisione potrebbe anche cambiare all’ultimo istante.
Un cambiamento nelle società partecipate che dovrebbe garantire supporto e potenziamento cittadino e nell’immediato futuro dovrebbe garantire a livello politico l’approvazione di importanti documenti, primo fra tutti il Piano di riequilibrio rimodulato. Inoltre, non meno importante, il bilancio di previsione 2015, la cui mancata adozione potrebbe comportare lo scioglimento di Consiglio e Giunta.
L’avv. Michele Lombardo che lascerà a breve il suo posto si congeda con un messaggio sui social che pubblichiamo integralmente: “Tre anni fa iniziava la mia esperienza in Catania Multiservizi. Esperienza dura, complicata, a volte esaltante, qualche volta anche avvilente (succede). Sulla mia bacheca non avete trovato mai post dedicate alla mia attività, perché credevo (e credo) sia giusto che un amministratore taccia e lavori”. E ancora Giorgianni continua a scrivere sulla sua bacheca: “Oggi termina questa grande avventura Con un piccolo strappo alla regola che mi sono dato: ringrazio l’amministrazione comunale e il sindaco che mi hanno municipio_catania3aiutato ad arrivare alla fine, rinnovando con l’azienda il contratto di servizio e, quindi, dando un futuro a più di 500 famiglie; alle istituzioni e, in particolare, al Consiglio comunale di Catania che ha combattuto per la città accanto alle sue aziende; ai tanti lavoratori onesti della Multiservizi che porterò sempre nel mio cuore”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook