TEATRO BELLINI, PRECARI IN AGITAZIONE

TEATRO BELLINI, PRECARI IN AGITAZIONE

Il perdurare dello stato di agitazione potrebbe mettere a rischio la rappresentazione della Norma che si terrà al Teatro greco-romano di Catania.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TEATRO BELLINI, PRECARI IN AGITAZIONE –

Il segretario regionale sel sindacato Snalv, Confsal, Antonio Santonocito in una nota ha evidenziato: “Abbiamo deciso di proclamare lo sciopero generale per venerdì 23 settembre a partire dalle ore 18. Chissà che chi non ci ha ascoltato fino ad oggi non abbia paura di mettere a rischio la rappresentazione dell’opera Norma di Vincenzo Bellini con la quale verrà inaugurato il Teatro Greco Romano di Catania proprio il 23 cm., anniversario della morte compositore catanese. Sono anni che proviamo a farci dare delle risposte da chi di competenza, ma anche l’ennesima richiesta, sotto forma di una lettera aperta pochi giorni fa, non ha avuto nessun riscontro e i lavoratori precari del teatro Massimo Bellini continuano ad avere un futuro incerto. Cosa dobbiamo fare per essere ascoltati? – conclude Santonocito – Perché la politica è così sorda alle esigenze dei lavoratori del teatro Massimo Bellini di Catania e di conseguenza alle esigenze del teatro stesso, considerando che i loro lavoro è essenziale al suo funzionamento, e teatro-bellini-catania-2dell’intera città, perché il rilancio di questa dovrebbe passare anche e soprattutto dal rilancio del teatro più bello e rappresentativo di Catania?”. Ora si aspetta l’evoluzione della vicenda che potrebbe compromettere la messa in scena della rappresentazione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook