Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OMICIDIO FRANCOFONTE, FERMATI PRESUNTI ASSASSINI

OMICIDIO FRANCOFONTE, FERMATI PRESUNTI ASSASSINI

Svolta sulle indagini di un omicidio perpetrato nel 2014 a Francofonte. La vittima un pensionato 67enne. Indagati i due fratelli proprietari della sua abitazione. Dalle indagini pare che lo avrebbero massacrato a coltellate per un banale ritardo di pagamento.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

OMICIDIO FRANCOFONTE, FERMATI PRESUNTI ASSASSINI –

La sua colpa era quella di non aver pagato l’affitto come punizione gli assassini gli avrebbero inferto 27 coltellate il 3 novembre 2014. Antonino Barbaro, 67enne pensionato di Francofonte era stato ucciso quasi due anni fa, da allora le indagini sul feroce delitto sono proseguite a ritmo serrato. Al termine degli accertamenti sono stati individuati i due presunti assassini. I carabinieri della locale stazione li hanno arrestati ieri sera alla fine di una lunga indagine.
Sono molti gli indizi emersi a carico di due fratelli: Antonino e Giancarlo Giaccotto, rispettivamente di 45 e 33 anni, entrambi pescatori incensurati. Si presume che avrebbero ucciso Barbaro per un banale ritardo di pagamento. Il pensionato infatti viveva assieme alla propria compagna a Francofonte in un’abitazione di proprietà dei fratelli Giaccotto, ai quali corrispondeva un canone mensile di 150 euro. Da qualche tempo in difficoltà economica il 67enne doveva alcune mensilità ai padroni di casa. Il 2 novembre 2014, poco prima le 10 del mattino, Antonino e Giancarlo Giaccotto avrebbero raggiunto Barbaro nella campagna dove era intento a carabinieri-notteraccogliere l’uva, e presumibilmente non riuscendo a ottenere i 700 euro dovuti lo avrebbero aggredito, accoltellandolo 27 volte procurandogli ferite mortali alla giugulare, al rene sinistro, gli avrebbero sferrato fendenti anche a polmoni e milza.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook