Archiviato in | Spettacolo, Teatro

CATANIA, SUCCESSO DELLA COMMEDIA LYSISTRATA

CATANIA, SUCCESSO DELLA COMMEDIA LYSISTRATA

Successo a Catania della commedia Lysistrata di Aristofane. Il sesso è motore del mondo: Lysistrata ne è convinta ed è questa sua convinzione che la porta a mettere in atto uno stratagemma creativo e surreale. Tutte le donne dovranno astenersi dall’avere rapporti sessuali con i mariti finché la guerra del Peloponneso non sarà cessata.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CATANIA, SUCCESSO DELLA COMMEDIA LYSISTRATA –

Lysistrata commedia di Aristofane  in scena sul palco del Cortile Platamone Palazzo della cultura di Catania a cura della compagnia Banned Theatreal. Il sesso è motore del mondo: Lysistrata ne è convinta ed è questa sua convinzione che la porta a mettere in atto uno stratagemma creativo e surreale. Tutte le donne dovranno astenersi dall’avere rapporti sessuali con i mariti finché la guerra del Peloponneso non sarà cessata. Sono infatti le donne, le madri, le prime a sentir il bisogno di ribellarsi alla guerra e al suo spreco di vite: «In realtà la guerra è più un affare da donne, perché esse ne sopportano il peso due volte: lysistrata_commedia1partoriscono i figli con dolore, li allevano con tanto amore e poi li vedono andare via a fare i soldati!»: Ma, nel tentativo di rovesciare le regole della società maschilista del tempo, Lysistrata è in fondo costretta a confermarle e, a conti fatti, sembra che il potere decisionale delle donne rimanga legato tristemente ed esclusivamente al sesso. Purtroppo lo sciopero di queste donne porterà soltanto a un’uguaglianza e a una pace provvisorie.
Banned Theatre ha proposto un divertente adattamento della famosa commedia di Aristofane e affronta con spirito il tema della parità dei sessi, attribuendo a entrambi pregi e difetti in egual misura.
Una messinscena essenziale che nasce in co-produzione con il “Calatafimi Segesta Festival-Dionisiache 2016” e si sviluppa a partire da quel lavoro di improvvisazione che è tipico del Banned Theatre: i sei attori, attraverso l’uso delle maschere e con l’accompagnamento delle musiche di Luca Mauceri, esploreranno sulla scena il caleidoscopio dei vari tipi umani con esilaranti capovolgimenti del genere maschile e femminile.
Parla Valentina Ferrante: “La storia è immutata ma è adattata, su mia idea, per sei attori: Giovanna Criscuolo, Micaela De lysistrata_commedia3Grandi, Federico Fiorenza, Massimiliano Geraci, Giovanni Rizzuti ed io.  La messa in scena è lineare lysistrata_commedia2e moderna che ricorda per gli elementi presenti sul palco l’arte di Joan Mirò e Lucio Fontana ed ogni personaggio è caratterizzato da un colore. Ci saranno scambi di ruoli.  Sono presenti molti spunti comici senza mai trascendere nella volgarità. L’intera storia è racchiusa in una sorta di contenitore moderno che parla di guerra a cui attorno ruota la figura della madre che sopporta due volte il peso della violenza, ovvero quando i propri figli partono per il fronte e quando non ritornano più”. Aristofane ha scritto numerosi testi che parlano di donne. Valentina ci racconta ancora perché ha scelto questa commedia: “Amo Aristofane come tutto il teatro di costume. Dopo aver interpretato “Le donne al parlamento” ho approfondito lo studio del ruolo delle donne nell’antichità  e deciso con gli attori della Compagnia Banned Theatre di dare vita a questo testo in una forma completamente nuova. Lysistrata è uno spettacolo molto originale divertente e riflessivo, soprattutto può dare delle indicazioni alle giovani generazioni”. La compagnia Banned Theatre è giovane dinamica affiatata e soprattutto rappresenta in un modo assolutamente originale e sperimentale lo spirito delle compagnie della commedia dell’arte di sapore rinascimentale.

Susanna Basile

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook