Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

INCENDIANO COMUNE PER DISTRUGGERE CARTELLA ESATTORIALE

INCENDIANO COMUNE PER DISTRUGGERE CARTELLA ESATTORIALE

Arrestati due uomini che avrebbero sfondato la porta del Comune di Comiso sarebbero entrati all’interno e dopo aver cosparso di benzina una stanza hanno appiccato il fuoco che si è esteso ad altri locali. L’intento era quello di distruggere una cartella fiscale di 8.000 euro che doveva essere pagato da un loro parente. Le due persone sono state individuate e arrestate.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

INCENDIANO COMUNE PER DISTRUGGERE CARTELLA ESATTORIALE –

Il crimine risale alla vigilia di Natale 2015. Due sconosciuti sarebbero entrati all’interno di un ufficio del Comune di Comiso, nel Ragusano e avrebbero appiccato il fuoco con l’intento di distruggere una cartella fiscale di 8.000 euro che un loro parente avrebbe dovuto pagare. Individuati, i presunti responsabili sono stati arrestati dalla polizia e sono: Carmelo Ricca, 48 anni, e Michele Mario Sidoti, 60 anni.
Dalle indagini condotte dalla squadra mobile, della Digos e del commissariato di Comiso, Ricca avrebbe sfondato alcune porte dell’ufficio comunale e, mentre il complice lo attendeva in auto, avrebbe cosparso di benzina i locali dell’ufficio notifiche e appiccato il fuoco che poi si è esteso in altri locali. Per spegnere l’incendio sono dovuti intervenire i vigili del fuoco. Il rogo ha provocato danni per migliaia di euro causando inoltre la parziale inagibilità degli uffici comunali. La cartella esattoriale era stata emessa perché il trasgressore aveva firmato assegni a vuoto per migliaia di euro a danno dei creditori. Alla fine delle indagini è scattato il blitz e i due non hanno opposto resistenza.
In un primo tempo si è pensato fosse stato un corto circuito ma dopo che i pompieri hanno domato le fiamme, sono scattate le indagini. Erano le 5 del mattino e nel buio si vedevano solo le fiamme altissime. Tra le ipotesi anche quella di un mancato rinnovo del contratto da parte del Comune oppure qualcuno di una ditta esterna che si occupava di manutenzione licenziato, un problema personale tra i dipendenti o ancora la matrice poteva essere di natura politica.
Le telecamere hanno consentito di monitorare tutte le fasi dell’attentato. Infatti, dopo poche ore gli investigatori avevano trovato un volto da cercare. Sono anche state divulgate le immagini degli impianti di videosorveglianza ai mass media, per ricevere aiuto dai cittadini, ma il tentativo è risultato vano: nessuna chiamata, neanche anonima. Rivedendo i filmati di alcuniincendio_comune_comiso_arrestati sistemi di sorveglianza è stato individuato anche il complice a bordo dell’auto utilizzata per raggiungere il Comune. Il coordinamento della polizia ha iniziato ogni tipo di intercettazione e dai commenti fatti tra i due indagati e i loro parenti sono stati raccolti altri gravi indizi di colpevolezza. Inoltre dal controllo tra le diverse notifiche effettuate, è stata individuata una cartella esattoriale a carico di un familiare dei due indagati. Quindi si è arrivati alla determinazione che per eliminare questo debito con lo Stato i due abbiano appiccato l’incendio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook