Archiviato in | Politica, Politica Regionale

STAFFETTA DEI NO PARTE DA CATANIA

STAFFETTA DEI NO PARTE DA CATANIA

Il movimento 5 stelle in piazza per il No al referendum parte dal capoluogo etneo. Il vicepresidente della Camera arriva in piazza Università, a Catania e annuncia una campagna elettorale già iniziata per Palazzo d'Orleans e per la presidenza del Consiglio. Di Maio agli spettatori: “Dalla Sicilia parte la conquista dell'Italia”.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

STAFFETTA DEI NO PARTE DA CATANIA –

Sono migliaia le persone arrivate in Piazza Università ad ascoltare il Movimento 5 stelle che si è presentato al gran completo. Catania si conferma a 5 stelle, ma il comizio di Catania è la prova generale in Sicilia per un evento che li vedrà già la prossima settimana a Palermo, quando i cinquestelle parleranno all’Italia intera. Nel frattempo nel capoluogo etneo, Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio leader del movimento hanno scaldato la voce e si sono alternati sul palco. Di battista ha incitato gli animi del tardo pomeriggio suscitando grida, e applausi scroscianti. Di Maio ha chiuso la serata incitando la folla con allusioni agli scandali ma senza citarli e poi sottolinea: “Faremo degli errori, ma poi testa bassa si ricomincia pedalando”.
Di Battista dal palco si vanta di essere arrivato parlando con la gente, di aver risposto a tutti i giornalisti, di non avere avuto bisogno di scorte e polizia dicendo: “Non servivano neanche le transenne, perché voi siete con noi”. Di Maio, invece è arrivato in auto con Cancelleri fino a sotto al palco di piazza Università gremita di persone. Ha parlato da dietro una barriera di ferro e ha risposto a quattro domande e poi è andato via. Con un sorriso smagliante ha detto: “Le elezioni comunali sono da vedere. So che qui si sono inventati una legge per cui la maggioranza è il 40 per cento, mentre in tutto il mondo è il 51”. Il riferimento è alla nuova elegge elettorale passata a Palermo, che cambia le regole delle elezioni amministrative.
Giancarlo Cancelleri ha ricordato che il Movimento ha scelto la Sicilia e che per ricominciare, dopo gli scandali di Roma e l’ennesima rottura ad Augusta si procede per la strada segnata con le parole di Gian Roberto Casaleggio: “Chi non molla non può essere distrutto. Noi siciliani siamo sempre tenaci, non ci facciamo sconfiggere da questi qua”. A benedire il proposito è Di Maio, dato per prossimo alla candidatura a presidente del consiglio. E ancora il vicepresidente della Camera sottolinea: “Domenica prossima a Palermo iniziamo il percorso verso il governo della Regione Siciliana. I più grandi cambiamenti di questo Paese, del resto, sono partiti da qua”.
Di Maio ha replicato: “Il Movimento è un organismo che si evolve che fa tesoro delle proprie esperienze e impara a movimento_5_stelle_comizio_di_maio_di-battistatrarne insegnamenti. Credo che siamo arrivati preparati al governo di Roma, ma siccome è Roma, abbiamo anche diverse difficoltà perché è la capitale d’Italia. Anche qui ci saranno difficoltà. Chi può dire che qua non avremo problemi? L’importante è tenere la barra dritta».
Dopo alcune ore di comizio e una lunga performance tra tutti i referenti locali e regionali del Movimento il comizio si è avviato alla conclusione. Poi Cancelleri ha concluso con la frase “Siete degli eroi” e applaude ai catanesi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook