Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LIBRINO DI CATANIA, SCOPERTE ARMI E DROGA. UN ARRESTO

LIBRINO DI CATANIA, SCOPERTE ARMI E DROGA. UN ARRESTO

Nel quartiere catanese di Librino gli agenti della squadra mobile di catania hanno effettuato un Blitz, nel corso del quale hanno scoperto un arsenale con mitragliatori kalashnikov e sei chili di cocaina. Le manette sono scattate per Lorenzo Giustino 42 anni.

 

 

LIBRINO DI CATANIA, SCOPERTE ARMI E DROGA. UN ARRESTO –

La Polizia di Stato la notte scorsa ha sequestrato nell’abitazione di Lorenzo Giustino, 42 anni che si trova nel quartiere di Librino, a Catania un arsenale che comprende fucili mitragliatori kalashnikov, una pistola con puntatore laser e circa sei chili di cocaina. L’uomo è stato arrestato. L’operazione è stata portata a termine dalla squadra mobile di Catania.
L’arsenale potrebbe essere riconducibile a una consorteria mafiosa. Dagli inquirenti non trapela nulla se non al fare riferimento a cosche che si contendono la zona Santapaola e Cappello.
L’importante sequestro effettuato dagli investigatori guidati dal dirigente della Mobile Antonio Salvago potrebbero portare anche al coinvolgimento di tutte e due le famiglie mafiose. Da accertamenti, Lorenzo Giustino, con precedenti per reati di droga, non ha condanne per mafia ma si sospetta – che potrebbe essere vicino ad alcuni personaggi della cosca Cappello. Un fattore che rappresenta in verità non cabierebbe gli scenari investigativi.
Gli inquirenti per ora non si lasciano andare con dichiarazioni, la risposta ufficiale è “Stiamo lavorando”. Ma se si analizza la struttura mafiosi e gli equilibri criminali nel quartiere che registra la presenza di un’alta percentuale di pregiudicati si potrebbe pensare che le armi da guerra erano custodite per possibili mosse offensive  contro clan rivali. Da usare solo in caso di necessità. Tra le ipotesi sull’utilizzo delle stesse non ci sono elementi per pensare a un impiego immediato, considerato che da arresto_librinoalcuni anni la mafia catanese agisce con un basso profilo evitando azioni eclatanti che possano suscitare scalpore. Però è chiaro che “se nel quartiere gira voce che quel determinato gruppo “possiede le armi”, la sua forza di intimidazioni si accresce.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook