Archiviato in | Spettacolo

KATIA RICCIARELLI SI RACCONTA A CUORE APERTO

KATIA RICCIARELLI SI RACCONTA A CUORE APERTO

Katia Ricciarelli, una delle voci più amate della lirica internazionale, l’abbiamo incontrata a Giarre, in occasione di una serie di appuntamenti in Sicilia, con il suo pubblico.

Print Friendly, PDF & Email

KATIA RICCIARELLI SI RACCONTA A CUORE APERTO –

A costo di esser bacchettata dai puristi dell’Opera, nel panorama italiano nessuno ha saputo sdoganare la lirica da rigidità e snobismo, avvicinandosi al grande pubblico e flirtando con altri generi musicali. Stiamo parlando di Katia Ricciarelli, una delle voci più amate della lirica internazionale, l’abbiamo incontrata a Giarre, in occasione di una serie di appuntamenti in Sicilia, con il suo pubblico, organizzati dal M° Gianfranco Pappalardo Fiumara, pianista d’eccezione e grande amico del soprano. “I tempi sono cambiati – afferma la Ricciarelli ci ha provato Pavarotti che ha dato il via. Ma anche i grandi cantanti dell’epoca da Caruso a Del Monaco, da Gigli, allo stesso Carreras Domingo, tutti hanno affrontato la canzone classica e, quindi, anch’io ho voluto provare a non disdegnare, musicalmente, niente”.

Per lei l’Opera è stata un’opportunità di riscatto nei confronti di un’infanzia difficile: “Ho avuto un’infanzia poverissima ma non posso dire brutta, nella povertà felice, una mamma straordinaria che ha pensato a tutto, per me e per le mie sorelle, non ho sofferto tanto. Attraverso la lirica, sono riuscita a riscattare tutto, volevo diventare qualcuno”.

Un destino segnato fin da bambina, da una voce lirica impostata e piena, di cui aveva quasi vergogna: «Mi sembrava di aver a che fare con una bestia più grande di me. Si nasce con questo dono, mi nascondevo, cantavo sugli alberi». La Ricciarelli è un fiume in piena, ha deciso di raccontarsi a cuore aperto, con delicatezza e abbondante autoironia, raccontando molte vicende personali inedite, come per esempio il successo, che arriva solo dopo una difficile gavetta, il lavoro in fabbrica e poi alla Upim, come commessa, la vita di sacrifici a Venezia per studiare al conservatorio e tanti concorsi: “gavetta molta, ma ho studiato pure tanto. Ho cominciato a 13 anni a lavorare”.

Nel 1969, l’occasione della vita, il debutto con La Bohème di Puccini al Teatro Sociale di Mantova: “Ma le porte si sono aperte nel 72 con il concorso Verdiano in Tv. Ecco il potere della Tv, allora in bianco e nero. E poi subito l’America”.

Lei ha affermato: «Io vado avanti qualsiasi cosa succeda, non ci penso neanche un minuto a piangermi addosso, non c’è tempo». «Si è vero. Sul palcoscenico, così come nella vita, ho pianto per un dolore, ho gioito per amore, cercando in ogni istante di far emergere la mia personalità, le mie vibrazioni, il mio carattere senza tener conto di quel che gli altri potessero pensare».

Dopo tanti anni di carriera, lei si reinventa e approda in televisione, attrice di fiction e poi per il cinema d’autore con Pupi Avati ne La seconda notte di nozze: La tv era un tabù, un mondo proibito, troppe distrazioni per una cantante lirica. Però, dopo con il matrimonio con Baudo, ho fatto molta televisione e poi, molto più tardi, il cinema e pure il reality “La fattoria”.

Spazio anche per scrivere. Ha raccolto tutti i ricordi nel libro autobiografico “Da donna a donna, la mia vita melodrammatica”, un cammino a ritroso nel tempo tra palcoscenico e vita reale. Questo è il mio secondo libro, un viaggio che parte dal ricordo di una famiglia poverissima, di un padre che mi ha abbandonata appena nata e, una madre, a cui invece devo tutto”. Nel libro la Ricciarelli, attraversa le difficoltà degli inizi, la passione per il canto e quella lirica che definisce “il demone” che l’ha condotta a calcare i palcoscenici di tutto il mondo, senza dimenticare che il più grande palcoscenico è la vita.

Lei è stata l’ultima Desdemona di Mario del Monaco e la prima di Placido Domingo, momenti importanti della sua carriera: “con Mario Del Monaco è stato molto importante, straordinario, cantare con lui, un vero sogno realizzato. Con Domingo, bello, ma sono decisamente due generazioni diverse.”

Nella vita deve dire grazie a qualcuno: a mia madre, alla mia famiglia e alla mia caparbietà, tenacia, allo studio e soprattutto una buona dose di ambizione, da non confondere con presunzione”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook