Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FERMATI DUE 15ENNI PER BULLISMO

FERMATI DUE 15ENNI PER BULLISMO

Erano solito indirizzare insulti ai coetanei e avevano chiusa in aula una insegnante. Due bulli quindicenni sono stati tradotti in una comunità. Sono accusati di aver rivolto insulti xenofobi a un extracomunitario, e di aver aggredito compagni nonché di aver vessato dei professori. i minorenni avevano creato un clima di paura in una scuola di un paese in provincia di Catania.

 

 

FERMATI DUE 15ENNI PER BULLISMO –

Sono stati fermati due ragazzini quindicenni per bullismo, avrebbero perpetrato aggressioni nei confronti di alcuni coetanei che frequentavano la stessa scuola. I due avrebbero rivolto insulti xenofobi a un extracomunitario e poi botte e calci a una ragazzina accompagnati da gesti volgari a sfondo sessuale, e inoltre avrebbero chiusa a chiave in un’aula un’insegnante.
Il Tribunale per i minorenni di Catania ha emesso un’ordinanza che ipotizza il reato di atti persecutori. Le accuse contestate ai due 15enni, che avrebbero creato un clima di paura nel loro istituto, raggiunti da provvedimenti restrittivi eseguiti dai Carabinieri che ne dispongono il collocamento in comunità. I minorenni sono stati condotti in centri diversi di altrettante città siciliane.
Si legge nel provvedimento che gli insegnanti confermano di conoscere i due destinatari dell’ordinanza “per via dei loro comportamenti antisociali e prevaricatori” e di “essere a conoscenza di vari episodi di bullismo posti in essere dai ragazzi” descrivendoli come ragazzi ingestibili.
Dalle indagini dei carabinieri emerge che tra i loro ‘obiettivi’, vi era, una minorenne, con disturbi psichici, che avrebbero insultato anche attraverso il telefonino, creando stati di ansia e paura nella ragazzina, che per questo, la stessa, avrebbe cambiato numero del cellulare. Inoltre, la minorenne aveva paura anche di andare nel bagno della scuola da sola.
Tra le vittime vi sarebbe anche un minorenne straniero, oggetto di insulti con espressioni xenofobe.
I presunti bulli avrebbero anche minacciato e molestato una minore aggredendola con botte e calci, sia all’interno della scuola che fuori. Rivolgendole frasi offensive e facendole gesti volgari a sfondo sessuale.
La ragazzina sarebbe stata costretta a cambiare la propria residenza per evitare di incontrare gli indagati in paese. Inoltre i genitori si sacrificavano per accompagnarla tutte le mattine a scuola per evitare conseguenze più gravi. Durantebullismo_2 l’anno scolastico 2016 i ragazzi avrebbero minacciato insegnanti e collaboratori e in una occasione avrebbero chiuso a chiave la porta di un’aula lasciandovi all’interno un’insegnante.
E’ stato contestato a uno degli indagati di aver percosso, insultato e ingenerato un perdurante stato di ansia e di paura nei confronti di un coetaneo, che ha un disturbo del linguaggio e deficit della motricità.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook