FESTA DE L’UNITÀ SENZA IL MINISTRO GIANNINI

FESTA DE L’UNITÀ SENZA IL MINISTRO GIANNINI

Nella quinta giornata della Festa nazionale de l’Unità in programma a Catania si discuterà di scuola, università, ricerca, unioni civili e ambiente.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FESTA DE L’UNITÀ SENZA IL MINISTRO GIANNINI –

La partecipazione del ministro per l’Istruzione, Stefania Giannini non è stata confermata. La Giannini fortemente contestata nei giorni scorsi dai docenti costretti ad emigrare al Nord non sarà sul palco a Catania. Invece il ministro ha preferito il Centro Italia per restare al fianco delle popolazioni terremotate. A trattare i temi in discussione saranno invece il sottosegretario per l’Istruzione, Davide Faraone, Francesca Puglisi e Gianluca Scarano. Intanto gli insegnanti annunciano una protesta contro la #BuonaScuola.
Sul tema dell’accoglienza dei migranti calcheranno il palco della villa Bellini di Catania: Gennaro Migliore, Matteo Biffoni e il sindaco di Lampedusa, Giusy Nicolini.
L’argomento delle unioni civili sarà trattato da: Micaela Campagna, Sergio Lo Giudice, Francesco spano.
Per le problematiche legate all’ambiente parleranno: Mariella Maggio, Vania Contraffatto, Gianfranco zanna, Salvo Cocina, Gaetano Monastra, Nino Vullo, Antonio Caruso. Interverrà il sindaco di Misterbianco, Nino Di Guardo, ad festa_unità_platea_dibattitiaccendere il dibattito sulla discarica ‘Valanghe d’inverno’. Il primo cittadino è al centro dell’attenzione mediatica sulle polemiche scatenate per l’emissione di Biogas nocivo delle vicine discariche ormai sature.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook