REFERENDUM, CONFRONTO GENTILONI-D’ALEMA: “RENZI DIVIDE L’ITALIA”

REFERENDUM, CONFRONTO GENTILONI-D’ALEMA: “RENZI DIVIDE L’ITALIA”

Festa nazionale dell'Unità a Catania, confronto sul referendum tra D’Alema e Gentiloni. Sul palco il dibattito e D’Alema ribadisce il suo No alla consultazione popolare e afferma: "Referendum su un pasticcio". Poi a sorpresa il moderatore, il giornalista Claudio Cerasa, promuove sondaggio tra il pubblico e vincono i No.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

REFERENDUM, CONFRONTO GENTILONI-D’ALEMA: “RENZI DIVIDE L’ITALIA” –

E’ chiaro che tutti attendevano proprio lui: il lider Massimo che è riuscito a riscaldare gli animi non tradendo ciò che gran parte del pubblico si aspettava. E’ arrivato puntualissimo, dopo l’intervista con i giornalisti si è diretto verso il palco. Tutti sanno già che l’argomento principale della discussione non saranno gli affari esteri ma la politica nazionale e il referendum. D’altronde cio che doveva dire sul referendum costituzionale, lo aveva già detto poco prima ai giornalisti che lo avevano letteralmente circondato. Con la sua consueta ironia ha esordito: “Mi immagino che siete qui per parare di politica estera – poi aggiunge – si vede dalle facce”. Dopo alcuni quesiti sulla situazione in Libia e sul nuovo governo Al-Sarraj riconosciuto dall’Onu, una lunga sequenza di domande solo sulla riforma Boschi-Renzi. Per D’Alema un pasticcio pericoloso. E replica: “Un volumetto che nessuno ha letto”.
festa_unita_ct_dalema_gentiloniPoi si scioglie e parla a ruota libera per parecchio tempo: “Orfini dice che siamo i nuovi girotondini? Dovrebbe avere più rispetto di personalità importanti come Valerio Onida, De Siervo, Casavola” incalza con la sua proposta di controriforma. E sottolinea: “ è solo una semplice e chiara paginetta con tre punti ridurre drasticamente il numero di deputati ad esempio 200 senatori, la fiducia al premier la dà solo la Camera e si crei un comitato di conciliazione per evitare la cosiddetta ‘navetta’ (ndr: cioè il passaggio delle leggi tra una Camera e l’altra), così come avviene negli Stati Uniti. Il tempo ancora c’è. Renzi ha detto che, se anche vincesse il no, si voterebbe comunque nel 2018” e poi si avvia velocemente verso il palco dove lo attendono diversi politici locali.
D’Alema è sul palco per spiegare il suo netto No contro il suo partito che ha proposto una riforma costituzionale voluta da Renzi e sottolinea con il suo consueto sarcasmo: “Una festa poco pluralista. Per il No c’è un grande spazio per i cittadini e se ne vede di meno da parte dell’informazione, veramente controllata dopo l’occupazione brutale della Rai da parte del governo con la cacciata dei dissidenti, cosa che mi ha francamente colpito” poi aggiunge: “Solo Berlusconi era arrivato a tanto”.
Secondo lui è in corso “un’altra faccia del berlusconismo” rappresentato dal presidente del consiglio rottamatore. “Abbiamo ricevuto da molte parti la sollecitazione a vederci e incontraci per discutere di come cambiare la Costituzione della Repubblica, che non è una cosa del Partito Democratico o di Renzi. Trovo sbagliato spaccare in due il Paese. Questa è una riforma sbagliata e festa_unita_ct_gentiloni_dalemacontroproducente. Semmai proporremo delle soluzioni”. La battaglia è appena iniziata e l’appuntamento è fissato per il 5 settembre a Roma, e ribadisce “con tutti quei cittadini che si riconoscono nei valori del centrosinistra e che non sono d’accordo con questa riforma”

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook