Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CALTAGIRONE, MIGRANTI AGGREDISCONO OPERATRICI CPA

CALTAGIRONE, MIGRANTI AGGREDISCONO OPERATRICI CPA

I migranti aggressori sono tutti accusati di sequestro di persona, esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose e alle persone, lesioni personali e danneggiamento.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CALTAGIRONE, MIGRANTI AGGREDISCONO OPERATRICI CPA –

Due extracomunitari ospiti del Cipe di Caltagirone uno di 18 anni della Guinea e l’altro di 19 del Mali e 5 minori, si sono ribellati in maniera violenta vandalizzando i locali della struttura e aggredendo due operatrici di turno. I carabinieri hanno arrestato i due maggiorenni, mentre i cinque minori sono stati denunciati. I rivoltosi sono tutti accusati di sequestro di persona, esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose e alle persone, lesioni personali e danneggiamento.
Il gruppo, capeggiato dai due arrestati voleva entrare in possesso immediatamente del “Pocket Money”. Una volta constatato che non era possibile ottenerlo subito, non hanno esitato a distruggere le suppellettili che avevano sottomano di proprietà del Centro di Prima Accoglienza.
Nel tentativo di sedare gli animi, le operatrici presenti nella struttura, sono state aggredite, minacciate con dei colli di bottiglia rotti e obbligate a non lasciare i locali del centro. L’intervento immediato dei Carabinieri, allertati da un’altra operatrice e dopo una violenta colluttazione con i due migranti ha consentito la liberazione degli ostaggi e il conseguente arresto. Le due vittimecarabinieri_auto dell’aggressione sono state accompagnate al pronto soccorso dell’Ospedale di Caltagirone e medicate. I medici hanno diagnosticato per loro una prognosi di dieci giorni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook