Archiviato in | Cronaca

LA TERRA TREMA ANCORA, AD OGGI 291 MORTI

LA TERRA TREMA ANCORA, AD OGGI 291 MORTI

Una nuova scossa di magnitudo 4.8 alle 6.28 ha provocato ancora crolli. La protezione civile stima: "Finora 267 morti". Curcio: "Temiamo un bilancio finale peggiore di quello de L'Aquila". Il governo delibera lo stato d'emergenza e stanzia i primi 50 milioni di euro.

 

 

LA TERRA TREMA ANCORA, AD OGGI 291 MORTI –

Forte scossa avvertita alle 6:28 ad Amatrice (Rieti) di magnitudo 4.8. E poi nel quarto d’ora successivo nella zona sono state registrate altre 8 scosse, da 2.0 a 2.8 di magnitudo. Nuovi crolli si sono verificati in centro.
Il bilancio delle vittime stilato dalla Protezione Civile cresce di ora in ora e si è arrivati a 291morti.
Ieri sera il Consiglio dei ministri ha deciso le prime misure deliberando lo stato d’emergenza predisponendo un primo stanziamento di 50 milioni di euro. La Protezione civile coordinerà gli interventi. Tra i provvedimenti anche la sospensione nelle aree interessate dal sisma degli adempimenti fiscali.
La Commissione grandi rischi ieri si è riunita per fare un’analisi di quanto accaduto. In aggiornamento la conta delle vittime. Mentre, Fabrizio Curcio, capo del Dipartimento della Protezione Civile, non nasconde che questo sisma che ha colpito ieri l’Italia centrale possa avere alla fine, in termini di vittime, “dimensioni peggiori di quello dell’Aquila”, dove i morti furono 309.
Anche il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti è intervenuto in merito: “Temo che le vittime aumenteranno e non di poco”. Finora sono state estratte vive 215 persone. L’opera dei soccorritori prosegue senza soste nonostante le 600 scosse che colpiscono l’area dalla scorsa notte. Intanto, anche il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha riferito che sono: “Oltre 2mila le persone impegnate giorno e notte tra vigili del fuoco e operatori della sicurezza”.terremoto_amatrice_soccorsi
Ieri, ad Amatrice, le forze dell’ordine, hanno effettuato il primo arresto, per sciacallaggio. Si tratta di un  I carabinieri hanno fermato un pluripregiudicato, 45 anni originario di Napoli, che tentava di forzare la porta di un’abitazione con un cacciavite.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook