Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ACCOLTELLA IL CONVIVENTE E LO DENUNCIA COME SUICIDIO

ACCOLTELLA IL CONVIVENTE E LO DENUNCIA COME SUICIDIO

Colpisce al cuore il suo convivente cinquantenne al culmine di una lite per gelosia. Si tratta di una romena di 47 anni che dopo il delitto ha chiamato il 118 mentendo sull'accaduto simulando il suicidio. Ma le indagini dei carabinieri l’hanno inchiodata.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ACCOLTELLA IL CONVIVENTE E LO DENUNCIA COME SUICIDIO –

Il fatto è successo due giorni fa nella frazione di Lineri a Misterbianco comune in provincia di Catania dove la coppia viveva, ma la notizia è trapelata soltanto oggi.. Un omicidio dal movente passionale che è stato denunciato ai carabinieri come suicidio. La donna aveva chiamato il 118, invocando disperatamente aiuto perché il suo compagno si era tolto la vita davanti a lei. La tragedia è avvenuta due giorni fa nella frazione di Lineri a Misterbianco, dove la coppia viveva, ma la notizia è trapelata soltanto oggi.
All’inizio i carabinieri erano intervenuti per un presunto suicidio, ma le indagini hanno puntato subito sul delitto, volontario. La Procura di Catania, dopo aver visionato le relazioni delle indagini sarebbe venuta alla determinazione che Iorel Vlad, 50 anni, romeno, manovale, non avrebbe avuto la forza di infliggersi da solo una coltellata al cuore e poi di estrarre l’arma. Per questo non si è creduto alla ricostruzione fornita dalla sua convivente, Florica Odica, 47 anni, sua connazionale, che è stata fermata per omicidio volontario.
La tesi del suicidio non ha convinto neanche il medico legale, in quanto la ferita è profonda, la lama ha trapassato un polmone e il cuore, con una violenza tale da potere ritenere impraticabile il suicidio. E l’arma è stata anche estratta.
La donna, dopo le contestazioni da parte degli inquirenti per le incongruenze nella sua ricostruzione, non ha cambiato la sua tesi su quanto accaduto. Secondo la sua versione: era tornata a casa e avevano avuto una lite passionale, ‘incendiata’ (così come l’ha definita) e si presume, dall’abuso di alcool da parte della coppia. Lui avrebbe avuto una relazione e lei voleva lasciarlo, e per dimostrarle che era innocente e autopunirsi si sarebbe suicidato con il coltello che aveva preso dal tavolo della cucina.
I carabinieri, dopo le indagini, hanno ricostruito la vicenda in maniera diversa: la donna avrebbe scoperto una relazione ‘clandestina’ del suo compagno e glielo avrebbe contestato. Non solo. All’uomo la 47enne romena rimproverava anche di uscire spesso la sera e di ritornare a casa ubriaco. Le indagini dei militari dell’Arma hanno portato al fermo della sospettata perauto_carabinieri3 omicidio volontario.
Il provvedimento firmato dal procuratore Carmelo Zuccaro e dal sostituto Martina Bonfiglio è stato eseguito ieri sera e la donna è stata tradotta nel carcere di piazza Lanza. La Procura di Catania ha già chiesto la convalida del fermo della 47enne romena, che domani sarà interrogata dal Gip.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook