Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PRESUNTO RAPITORE INDIANO ACCETTA RIMPATRIO

PRESUNTO RAPITORE INDIANO ACCETTA RIMPATRIO

Il quarantatreenne indiano Ram Lubhay accusato del tentato rapimento della bimba a Scoglitti ha passato la notte nel Cie di Caltanissetta e ha fatto sapere che accetta di buon grado il rimpatrio perché impaurito dalle minacce ricevute.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PRESUNTO RAPITORE INDIANO ACCETTA RIMPATRIO –

Presunto rapitore indiano accetta rimpatrio. Ram Lubhay si trova nel Centro di identificazione ed espulsione di Caltanissetta. il quarantatreenne indiano accusato del tentato rapimento di una bimba di 5 anni sul lungomare di Scoglitti, è stato tradotto al Cie ieri sera da agenti della polizia di Ragusa dopo aver trascorso l’intera giornata negli uffici della questura.
Espletato l’iter burocratico e dopo aver ricevuto il documento di espulsione dell’autorità giudiziaria, l’indiano dovrebbe essere rimpatriato in India. Una soluzione che in un primo momento l’uomo non avrebbe voluto, ma dopo le minacce subite e denunciate alla polizia, Lubhay ha espresso ai poliziotti di Ragusa la volontà di accettare il rientro nel suo Paese d’origine perché preoccupato per la sua incolumità.indiano_ragusa
Il procuratore di Ragusa, Carmelo Petralia, che sino a ieri ha lavorato a una relazione per ricostruire la vicenda ha detto: “Sto trasmettendo alcune informazioni sull’iter giudiziario seguito nel procedimento al procuratore generale di Roma”. Il pm per due volte non ha disposto il fermo dell’indagato.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook