Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

AGGRESSIONE A SAN CONO, ACCUSATI AI DOMICILIARI

AGGRESSIONE A SAN CONO, ACCUSATI AI DOMICILIARI

I tre ragazzi di San Cono accusati di aver picchiato dei minorenni egiziani sono stati relegati ai domiciliari. Il provvedimento lo ha stabilito il gip di Caltagirone che non ha convalidato il fermo.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

AGGRESSIONE A SAN CONO, ACCUSATI AI DOMICILIARI –

Aggressione a San Cono, accusati ai domiciliari. I tre italiani accusati di avere pestato con colpi di mazze da baseball quattro minorenni egiziani (due sedicenni e due diciassettenni) il 20 agosto scorso, a San Cono sono stati relegati agli arresti domiciliari con l’obbligo dell’uso del braccialetto elettronico.
Il provvedimento è stato firmato dal Gip di Caltagirone, Ettore Cavallaro, che non ha convalidato il fermo eseguito dai carabinieri. Il giudice non ha ritenuto sussistente il pericolo di fuga, emettendo un’ordinanza restrittiva nei confronti di Antonino Spitale, di 18 anni, e dei fratelli Giacomo e Davide Severo, di 32 e 23 anni. I reati contestati sono tentato omicidio e lesioni, aggravanti dai futili motivi e dalla discriminazione etnica o razziale.
Il Gip nel provvedimento scrive che: “Nel caso in esame  appare chiaro dalle espressioni utilizzate dagli indagati, finalizzate ad allontanare una categoria di soggetti non appartenenti al cosiddetto ‘paese’, dunque extracomunitari (“siete pezzi di merda, ve ne dovete andare da qua, non dovete più venire nel paese”) nonché alla luce degli stessi futili motivi dell’azione, evidenziano la sussistenza di finalità di discriminazione di sfondo razziale ed etnico, essendo tutte le vittime stranieri”.
Ipotesi di movente nel provvedimento: “un aggressore riteneva una delle vittime avesse danneggiato la propria autovettura”. E l’agguato premeditato: “essendo esecuzione di un precedente progetto di aggressione”. A chiedere le aggravanti era stato il procuratore Giuseppe Verzera a conclusione di indagini dei carabinieri della compagnia di Caltagirone. La ricostruzione è contestata dalla difesa dei tre indagati, anche se l’avvocato Pietro Marino al momento esclude un immediato ricorso al Tribunale del riesame. I tre indagati sostengono di essere le vittime dell’aggressione. I fratelli Severo si sarebbero fermati per aiutare Spitale circondato da 7-8 extracomunitari, è la loro tesi.
Secondo quanto riferito dell’avvocato degli accusati, uno dei due avrebbe impugnato una pistola che utilizza per giocare a softair per farli fermare, intimando loro di allontanarsi e ha tolto loro le mazze da baseball. Il penalista evidenzia inoltre: “Ma gli egiziani erano in possesso di colli di bottiglie e pietre e li hanno aggrediti, e loro si sono difesi. Sono i miei assistiti le vittime”. Nel frattempo migliorano le condizioni del 16enne egiziano che ha riportato un vasto ematoma cerebrale, ma la prognosi è ancora riservata.aggressori_egiziani_tribunale
Nel bollettino medico dell’ospedale Garibaldi-Nesina di Catania, dove il ragazzo è ricoverato nel reparto di rianimazione, i medici comunicano: “Risvegliato dal coma farmacologico il paziente ha superato i test neurologici e mostra chiari segni di ripresa, salvo qualche lieve difficoltà di carattere motorio. In ogni caso la prognosi resta riservata”. Questa mattina il console egiziano Sherif Elgammal ha fatto visita al ragazzino.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook