Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PESTAGGIO MINORI EGIZIANI, UNO RESTA GRAVE

PESTAGGIO MINORI EGIZIANI, UNO RESTA GRAVE

L’agguato è stato consumato a pochi metri dal centro di accoglienza di San Michele di Ganzaria che ospita i ragazzi. Dalle dichiarazioni di tre delle quattro vittime, forse una violenta pallonata durante una partita di calcio nella piazza del paese la causa dell'aggressione. Questo forse il motivo che avrebbe indotto gli aggressori a munirsi di una pistola ad aria compressa e mazze da baseball. A compiere l’atto sarebbero stati i fratelli Giacomo e Davide Severo e Antonino Spitale. I tre aggressori sono stati fermati dai carabinieri della locale stazione. Altre due persone sono ricercate. In una intervista il sindaco di San Cono è intervenuto sul raid punitivo.

 

 

PESTAGGIO MINORI EGIZIANI, UNO RESTA GRAVE –

Pestaggio minori egiziani a San Michele di Ganzaria comune in provincia di Catania. I carabinieri della locale stazione hanno arrestato per tentativo di omicidio e lesioni i tre aggressori dei ragazzini egiziani.  Gli assalitori sono stati identificati grazie al filmato del pestaggio che una delle vittime aveva realizzato con il suo telefonino. Si cercano gli altri due uomini che erano presenti all’aggressione, anche se erano rimasti a bordo della vettura. Il procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera ha disposto l’immediato trasferimento degli arrestati in carcere.
Secondo la ricostruzione dei carabinieri di Caltagirone che seguono le indagini, i quattro egiziani (arrivati in Italia tra giugno e luglio, di età compresa tra i 16 e i 17 anni) si erano recati a piedi a San Cono, per andare al mercato settimanale del piccolo paese in provincia di Catania. Un’abitudine per la maggior parte dei migranti ospiti del centro di accoglienza gestito dalla cooperativa San Francesco, socia del consorzio Sol.Calatino che ospita complessivamente 25 extracomunitari. La struttura si trova in una strada di campagna, equamente distante sia da San Cono sia da San Michele di Ganzaria. Mentre i quattro minorenni erano di ritorno a casa sono stati affiancati e poi bloccati da due vetture, una di colore bianca e l’altra nera, dalle quali sono scesi i tre ragazzi di San Cono, ma non i conducenti, che sono attualmente ricercati.
I minorenni egiziani hanno riferito inoltre agli investigatori che il movente era da collegare a contrasti per futili motivi che avevano avuto con alcuni degli arrestati poco prima.
Nel corso dell’aggressione, in particolare, si sono accaniti su un 16enne, M. M., colpendolo ripetutamente alla testa anche con il calcio dell’arma. Il minore colpito con violenza è ancora in pericolo di vita ed è il più grave dei quattro cittadini egiziani. Il 16enne è stato portato in codice rosso all’ospedale di Caltagirone. Lì è stato stabilizzato e successivamente trasferito all’ospedale Garibaldi Nesima di Catania, dove ha subito in nottata un delicato intervento neurochirurgico. Si trova adesso ricoverato nel reparto di Rianimazione e rimane in pericolo di vita. I suoi connazionali se la sono cavata con qualche contusione e cinque giorni di prognosi. Nel centro di San Michele di Ganzaria sono attualmente ospitati 25 minori migranti provenienti dal nord e dal centro dell’Africa. È la stessa struttura in cui, alcuni giorni fa, a seguito di una protesta per il pocket money erano stati sequestrati alcuni educatori. I quattro minori aggrediti, però, non risultano coinvolti nel fatto e, anzi, in quella circostanza diversi egiziani erano andati a soccorrere i dipendenti della cooperativa.
Gli arrestati sono Antonino Spitale, di 18 anni, e i fratelli Giacomo e Davide Severo, di 32 e 23 anni. In casa di quest’ultimo militari dell’Arma hanno rinvenuto una pistola ad aria compressa che era stata utilizzata per intimidire i quattro egiziani. La ripresa del carabinieri_pestaggio_egizianipestaggio eseguita da uno dei minorenni con il suo cellulare ha incastrato i due fratelli. Le immagini sono state visionate dagli investigatori che li hanno subito identificati. Sono accusati di tentato omicidio, lesioni e porto illegale di armi improprie. Mentre risultano ricercati due complici, che li attendevano in un’auto per aiutarli a scappare. In una intervista il sindaco di San Cono è intervenuto sul raid punitivo: “I ragazzini vengono dal centro di San Michele di Ganzaria per molestare le persone. Inoltre i minori arrivano in centro senza essere accompagnati. Se il prefetto non prende provvedimenti c’è il rischio di guerriglie”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook