Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TENTATO RAPIMENTO A SCOGLITTI, INDIANO RILASCIATO

TENTATO RAPIMENTO A SCOGLITTI, INDIANO RILASCIATO

Ram Lubhaya 43 anni è accusato del tentato sequestro di una bambina di 5 anni in spiaggia dice di essere innocente. Il magistrato Giulia Bisello non convalida il fermo. Calderoli denuncia: "Vergogna, intervenga Mattarella". Il procuratore di Ragusa Petralia ha sottolineato che il pm ha deciso di non applicare alcuna misura restrittiva della libertà perché non vi erano i presupposti di legge. Scoppia la polemica.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TENTATO RAPIMENTO A SCOGLITTI, INDIANO RILASCIATO –

Tentato rapimento di Scoglitti: indiano rilasciato. L’indagato Ram Lubhaya, 43 anni accusato di aver tentato di rapire lo scorso 16 agosto sul lungomare di Scoglitti una bimba di 5 anni, avrebbe negato tutto e si sarebbe dichiarato estraneo all’accaduto. Al momento risulta solo denunciato a piede libero. Per il pm non ci sarebbero stati i presupposti giuridici per confermare il fermo dei carabinieri. La motivazione non era il sequestro ma il tentativo di sequestro. Il sostituto procuratore di Ragusa Giulia Bisello ne ha stabilito il rilascio, dopo l’interrogatorio dell’uomo in presenza del suo legale d’ufficio che si è svolto nella caserma dei carabinieri di Vittoria. concluso poco dopo l’una di notte. L’indiano, risulta essere senza permesso di soggiorno e con precedenti penali per droga.
Il sostituto procuratore che segue il ‘caso’, oltre a interrogare l’indiano, che ha eletto come domicilio lo studio del suo avvocato, ha ascoltato ieri anche i genitori della bambina e alcuni testimoni presenti nel lungomare della Lanterna durante i concitati momenti del tentativo di sequestro.
Il legale di Lubhaya è intervenuto nel merito: “Il mio assistito ha risposto a tutte le domande del pm, ha fornito la propria versione dei fatti e si è proclamato innocente”. L’avvocato dell’indagato ha aggiunto che: “Il fermo operato dai carabinieri non era stato convalidato dal pm e con l’interrogatorio di ieri sera si è chiusa questa prima fase In sede di processo cercheremo di dimostrare l’estraneità del mio assistito all’ipotesi di reato contestato”.
L’indiano, dunque, è stato rimesso in libertà sulla base del rapporto che il magistrato ha ricevuto dai militari dell’Arma, ritenendo di non dover ascoltare l’uomo. Dopo il clamore mediatico, le reazioni polemiche sul social network e la psicosi di alcuni cittadini che hanno tempestato di chiamate il 112, il pm avrebbe deciso di approfondire il caso, chiedendo ai carabinieri di rintracciare l’indiano, che è senza fissa dimora e senza permesso di soggiorno, per poterlo interrogare.
E’ chiaro che la vicenda ha suscitato sgomento e indignazione, tant’è che il ‘caso’ è stato inserito anche in un’interrogazione parlamentare del senatore di Fi, Maurizio Gasparri, che ha chiesto al ministro della Giustizia, Andrea Orlando, “di fare luce su quanto accade nel tribunale di Ragusa”.
Il senatore della Lega e vice presidente del Senato, Roberto Calderoli ha chiesto in un suo specifico intervento persino l’intervento del presidente della Repubblica: “vista l’immobilità del Csm e del Ministro della Giustizia, intervenga Mattarella di persona, nella sua qualità di presidente del Csm”. Il senatore Calderoli ha inoltre aggiunto: “Secondo il magistrato in questione trattandosi ‘solo’ di un tentato rapimento non c’erano gli estremi per il fermo nonostante la gravità del reato e gli altrettanto gravi precedenti penali di questo immigrato clandestino, cui è stata ridata immediatamente la libertà”. In conclusione Calderoli ha rincarato la dose accusando il indiano_tentato_rapimento_carabinierigiudice: “in questo modo ha vanificato il lavoro difficile e pericoloso delle forze dell’ordine che lo avevano catturato. A questo punto auspico un immediato intervento del Csm, per aprire un procedimento disciplinare nei confronti di questo magistrato”.
Il procuratore di Ragusa Petralia nel corso di una intervista telefonica a Sky tg 24 in merito al caso che ha suscitato clamore e indignazione, ha tenuto a precisare che il pm ha deciso di non applicare alcuna misura restrittiva della libertà perché non vi erano i presupposti di legge.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook