Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LITIGANO ALLA VEGLIA FUNEBRE PER L’EREDITÀ

LITIGANO ALLA VEGLIA FUNEBRE PER L’EREDITÀ

Durante la veglia funebre, mentre la salma del padre morto era ancora in casa, i figli se le sono date di santa ragione. Sono volati calci e pugni per questioni di eredità. A termine della rissa sono finiti al pronto soccorso. I carabinieri della locale stazione hanno denunciato sette persone.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

LITIGANO ALLA VEGLIA FUNEBRE PER L’EREDITÀ  –

Litigano alla veglia funebre per l’eredità. Il fatto è successo ad Avola comune in provincia di Siracusa. I carabinieri della locale stazione hanno denunciato sette persone per rissa e lesioni personali. Il violento litigio è avvenuto tra i figli del morto. La scintilla è scaturita da una banale discussione sull’eredità del padre deceduto da poche ore. Mentre era in corso la veglia funebre è nata la violenta lite, proprio davanti alla salma dell’uomo che ha deciso di donare i propri averi ai figli. La scelta già nelle scorse settimane aveva fatto nascere forti discussioni. Proprio ieri notte si è alzata la tensione tra i soggetti della famiglia al punto che prima con le parole, poi è degenerata con calci e pugni, all’interno dell’abitazione e in mezzo alla strada dove si è scatenata una vera e propria baraonda. Avvertiti i militari dell’Arma, subito sono arrivati sul luogo della rissa dove hanno trovato una decina di persone doloranti riverse per terra con lievi ferite. I carabinieri sono entrati anche nell’abitazione del defunto e hanno accertato che alcune stanze erano a soqquadro proprio per la rissa tra i componenti della carabineri_5famiglia. Le sette persone coinvolte nella lite sono state medicate al pronto soccorso dell’ospedale “Di Maria” di Avola per ferite guaribili in 10 giorni. Sono in corso le indagini per stabilire la dinamica della rissa e le eventuali responsabilità.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook