Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CANI SBRANANO BIMBO A MASCALUCIA

CANI SBRANANO BIMBO A MASCALUCIA

Due doghi argentini hanno sbranato e ucciso il piccolo Giorgio di appena un anno e mezzo che si trovava all'interno di una villetta a Mascalucia. La madre 34enne, indagata per omicidio colposo, in stato di choc si è avvalsa della facoltà di non rispondere.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CANI SBRANANO BIMBO A MASCALUCIA –

Cani sbranano bimbo a Mascalucia comune in provincia di Catania. Il piccolo Giorgio, di 18 mesi, è stato dilaniato e ucciso dai due cani (doghi argentini), nella sua abitazione di Mascalucia in via Del Bosco. Il bambino è stato vittima di una feroce aggressione da parte di due bestie di grossa stazza, di proprietà della famiglia. Gli inquirenti hanno accertato che il piccolo Giorgio era solo nella piscinetta gonfiabile al momento dell’aggressione e che solo dopo le grida di una vicina di casa la mamma, di 34 anni, è intervenuta in soccorso del figlio. La donna è stata sentita in una caserma dei carabinieri dove le hanno notificato l’avviso di garanzia che ipotizza il reato di omicidio colposo. La madre, in evidente stato di choc era accompagnata dal suo legale di fiducia Fabio Cantarella. L’avviso di garanzia che in questi casi è dovuto, è stato emesso dal procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, e dal sostituto Fabrizio Aliotta.

la ricostruzione della madre non combacia. Secondo quanto riferito dall’avvocato Cantarella la donna ha dichiarato: “Avevo il bambino in mano quando uno dei cani, l’unico libero in giardino, all’improvviso, senza motivo apparente, ha aggredito il piccolo cercando di portarmelo via. L’ho difeso, ho combattuto, ma mi ha trascinata sul giardino. Poi sono riuscita a chiudere il cane e sono fuggita fuori casa urlando, chiedendo aiuto con mio figlio tra le braccia, ma è stato tutto inutile”.

Il padre del piccolo Giorgio difende la moglie: “Ha fatto il possibile, non ha mai lasciato solo nostro figlio. Lo ha difeso dall’attacco improvviso di uno dei due cani, che ha trascinato per terra anche lei, lasciandole delle ferite da trascinamento sul corpo. Non ha alcuna colpa. E’ distrutta e piange, non riesce a dire altro, ma non sopporta di passare per una madre disattenta”. Poi aggiunge: “La vicina di casa ha urlato dopo avere visto mia moglie con il figlio in braccio, e non prima. Noi siamo certi di questo: lei non ha lasciato mai per un secondo nostro figlio”. Sul motivo dell’attacco del cane l’uomo non riesce a fornire una spiegazione: “Erano da tempo con noi, uno era chiuso nel recinto, non hanno mai dato segnali di aggressività”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook