ALGA TOSSICA NEL MARE ETNEO, È ALLERTA

ALGA TOSSICA NEL MARE ETNEO, È ALLERTA

In considerazione della minaccia “alghe tossiche” Il sindaco di Acicastello Filippo Drago ha emesso un’ordinanza che vieta i bagni lungo la costa, all’altezza dei “muretti”. Una volta venuti a contatto i rischi potrebbero causare febbre e congiuntivite.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ALGA TOSSICA NEL MARE ETNEO, È ALLERTA –

Alga tossica lungo la costa etnea, si rischia febbre e congiuntivite. Il Sindaco di Aci Castello, da qualche giorno ha emesso un’ordinanza che vieta i bagni lungo la costa castellese e precisamente all’altezza dei “muretti”: luogo molto frequentato dai residenti e dai bagnanti provenienti da Catania. Il motivo di questa presa di posizione del primo cittadino sia una minuscola alga chiamata “Ostreopsis ovata”. Le alghe incriminate sono minuscole quasi invisibili ad occhio nudo che vivono sui fondali marini appartenenti alla famiglia delle Dinoficee. Sono tutte specie originarie dei mari tropicali ma negli ultimi anni, complice l’intensificarsi degli scambi commerciali via mare tra Mediterraneo ed estremo oriente, alcune specie di questa famiglia sono state rinvenute anche lungo le nostre coste. Quella più nota e maggiormente presente lungo le nostre coste è Ostreopsis ovata. Questa essere autotrofo è in grado produrre sostanze tossiche, dette tossine, come la palitossina (PLTX) ed alcuni suoi analoghi tra cui le ovatossine (OVTXs) e la mascarenotossina.
Le fioriture di Ostreopsis, in alcuni casi, sono state associate a fenomeni di intossicazione dei bagnati che hanno denunciato sintomi quali tosse, irritazione delle vie aeree superiori, dolori muscolari e o articolari, congiuntivite, rinorrea, febbre. Generalmente queste sono tutte sintomatologie che scompaiono spontaneamente nelle 24-72 ore successive. Le più frequenti segnalazioni di effetti tossici sui bagnanti sono state registrate a partire dagli anni 2000 in Toscana, Puglia e Sicilia anche se l’episodio più eclatante è quello verificatosi nel luglio 2005 a Genova durante il quale sono stati segnalati agli ospedali ben 225 casi di una sindrome febbrile-respiratoria che colpì bagnanti o persone che in qualche maniera, magari semplicemente passeggiando sui lungomare in giornate ventose, avevano frequentato il litorale.
Le acque molto ferme e dove le correnti e il moto ondoso non riescono ad ossigenare a dovere gli strati di acqua fino al fondo, sviluppano le condizioni ideali per far proliferare le colonie di Ostreopsis cf. ovata. Ad esempio baie chiuse, insenature e porticcioli caratterizzati da fondali rocciosi o ciottolosi sui quali le colonie si accrescono indisturbate. Qui le cellule di Ostreopsis si accrescono formando grandi colonie che aderiscono al substrato mediante filamenti e sostanze mucillaginose a condizione che le acque abbiano una temperatura ben superiore ai 20° centigradi, meglio se 25°. Queste sono le condizioni ideali per far aumentare il numero di cellule dando luogo a fioriture che sono in grado di compromettere addirittura l’aspetto dei fondali che nei periodi di massimo rigoglio dell’alga appaiono coperti da patine brunastre mucillaginose, flocculi e addirittura schiume che ben presto raggiungono la superficie del mare conferendole un aspetto molto poco invitante. Quindi, risulta chiaro che la concentrazione delle cellule nella colonia è dunque direttamente correlata all’abbondanza delle cellule sui substrati bentonici ed a fenomeni di idrodinamismo.
Le mareggiate estive che, sotto certi aspetti non ci consentono di fare il bagno tranquilli, sono indispensabili per una corretta ossigenazione degli strati di acqua profondi così da garantire il buono stato di salute dei nostri mari.
I ricercatori che si occupano dello studio di quest’alga e dei fenomeni ad essa associati, ritengono che questa specie mediterranea di Ostreopsis, produca quasi esclusivamente ovatossine. Composti che nell’uomo possono essere causa di intossicazioni non letali simili a fanomeni parainfluenzali che si possono manifestare a seguito di inalazione o di contatto con le cellule algali che le producono. spiaggia_
Medici e ricercatori sconsigliano di mangiare frutti di mare crudi quali patelle, aliotidi (Occhi di Bue) e pesce crudo. E’ sconsigliabile inoltre ai soggetti particolarmente sensibili alle infezioni di passeggiare in riva al mare nelle giornate ventose, infatti, il vento increspando la superficie del mare, trasporta le sostanze tossiche contaminando i soggetti particolarmente sensibili.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook