Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

COMUNE SOTTO ACCUSA SU SPIAGGE LIBERE

COMUNE SOTTO ACCUSA SU SPIAGGE LIBERE

Scatena non poche polemiche l'articolo di Meridionews, giornale on line, sulle presunte infiltrazioni mafiose nella gestione di solarium e spiagge libere. Il M5s chiede le dimissioni del sindaco: "Altro che legalità". Dall’altra parte l'amministrazione comunale di Catania replica: "Nella vicenda il Comune ha dato tutta l'attenzione necessaria per garantire la massima trasparenza. Si aspettano le ulteriori verifiche". La società di Librino che gestisce interviene: "E' tutto trasparente, esempio impeccabile di legalità. Per la gestione di solarium e spiagge libere ha accettato una sfida difficilissima".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

COMUNE SOTTO ACCUSA SU SPIAGGE LIBERE –

Comune sotto accusa su affidamento gestione Spiagge libere a Catania. Dopo il ritardo nell’apertura delle piattaforme e degli stabilimenti pubblici della Plaia, praticabili solo da luglio inoltrato, un articolo pubblicato sul giornale on line Meriodionews, ha scatenato le polemiche e l’intervento del Movimento 5 stelle catanese: “Le ultime notizie riportate dalla stampa sulle presunte infiltrazioni mafiose nella gestione di solarium e spiagge libere sono estremamente gravi e dimostrano l’assoluta incapacità dell’amministrazione Bianco di governare la città”.
I responsabili del movimento 5 stelle di Catania intervengono nel merito: “Il gestore dei parcheggi della spiagge libere, Orazio Buda, cugino del capoclan della cosca Cappello, è un pluripregiudicato ed ex sorvegliato speciale in attesa di giudizio. Ma Bianco e il suo assessore alla Legalità Rosario D’Agata non lo sanno”. E poi continuano: “Le spiagge libere sono state aperte in ritardo proprio per ‘garantire la massima legittimità e fugare qualsiasi ombra di illegalità’. Parola del sindaco. Peccato, però, che le ombre ci siano. E anche molto pesanti. Bianco e la sua giunta devono dimettersi”.
Scoppiato il bubbone, ieri, l’amministrazione Comunale si è difesa comunicando che: “Le notizie riguardanti presunti gravi e poco chiari coinvolgimenti in indagini giudiziarie di dipendenti dell’azienda che ha vinto l’appalto avevano indotto l’amministrazione a chiedere immediatamente alla ditta stessa l’elenco completo del personale, che è stato subito trasmesso in prefettura per tutti gli ulteriori controlli del caso. Oggi è stata inviata a prefettura e questura un’ulteriore nota per conoscere in particolare la posizione di un dipendente che si occupa della gestione dei parcheggi. Nella vicenda il Comune ha dunque dato tutta l’attenzione necessaria per garantire la massima trasparenza sulle procedure di assegnazione dell’appalto, ricevendo, sinora, tutte le rassicurazioni del caso da parte delle autorità preposte”.
La cooperativa di Librino alla quale è stato affidato l’appalto, dopo i problemi con la precedente società (che si occupa anche del bar all’interno della Facoltà di giurisprudenza) attraverso i propri legali si difende: “Il signor Orazio Buda, non si occupa del ritiro dell’incasso come sostenuto nell’articolo pubblicato da Meridionews, ma è un regolare dipendente della Caffè Napoleon, munito di tesserino e addetto esclusivamente al coordinamento dei parcheggi delle spiagge libere. L’identità personale di ogni soggetto merita rispetto e considerazione al di là di qualsivoglia pregiudizio e in ogni caso tutta la documentazione richiesta è stata regolarmente inviata agli organi preposti. Il Caffè Napoleon dal 2004 è un spiaggia_libera_ctesempio impeccabile di legalità e per la gestione di solarium e spiagge libere ha accettato una sfida difficilissima. Invitiamo i cittadini a trascorrere una giornata ai solarium o alle spiagge libere per constatare personalmente la qualità dei servizi prestati”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook