Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ELEZIONI SICILIA: PRIMO TURNO SOGLIA 40%. OK DELL’ARS

ELEZIONI SICILIA: PRIMO TURNO SOGLIA 40%. OK DELL’ARS

L’assemblea Regionale Siciliana conferma l’abbassamento della soglia al 40% per l’elezione al primo turno. Inoltre sarà più semplice sfiduciare il primo cittadino, considerato che il quorum per far decadere i sindaci scende dai 2/3 al 60% dei voti in consiglio comunale.

 

 

ELEZIONI SICILIA: PRIMO TURNO SOGLIA 40%. OK DELL’ARS –

Elezioni Sicilia: primo turno soglia 40%. Ok dell’Ars. Nonostante i sindaci metropolitani non siano d’accordo, le proteste dei 5stelle con il fermo no della destra, la maggioranza di centrosinistra ha votato compatta la proposta al termine di una lunga seduta d’aula a palazzo dell’Assemblea Regionale a Palermo. Quindi, ieri sera l’Ars ha votato il disegno di legge che riforma il sistema elettorale in Sicilia e introduce nuove norme nel funzionamento degli enti locali . Intanto i lavori proseguiranno questa mattina con l’esame del ddl sull’assestamento di bilancio, che dovrebbero concludersi domani quando sarà dato anche il voto finale sull’articolato della riforma elettorale dei comuni. Sono diversi gli articoli in discussione come ad esempio quelli che prevedono la cessazione del consiglio comunale per dimissioni contestuali del sessanta per cento dei consiglieri assegnati o, nei comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti, dei due terzi dei consiglieri assegnati, con arrotondamento all’unità superiore, comporta la decadenza del sindaco e della rispettiva giunta e la nomina di un commissario.
Quindi, in Sicilia sarà più semplice essere eletto sindaco al primo turno e gli stessi che supereranno il 40% potranno contare su un consiglio comunale forte grazie al premio di maggioranza che spetterà alle liste collegate al candidato vincente. Infatti, alla coalizione vincente spetterà almeno il 60% dei seggi. D’altro canto, per equilibrare, la riforma modifica il quorum necessario per la mozione di sfiducia al sindaco. Quindi, basterà il 60% dei consiglieri per sfiduciare il primo cittadino anziché i due terzi del consiglio comunale come sino ad oggi in vigore. Le norme più importanti erano state approvate la scorsa settimana come la riduzione dal 50 al 40% della soglia per i ballottaggi, l’elezione dunque al primo turno del candidato sindaco e il premio di maggioranza per le liste collegate.
L’abolizione dei ballottaggi, che poteva essere approvata da tutti, tranne il movimento 5 stelle, ha creato in corso di voto qualche tensione.
Dapprima, la soglia minima su cui era stata trovata l’intesa era il 35%. In un secondo tempo, il Pd, ha insistito e ottenuto che la soglia fosse elevata al 40%. Per il centrodestra una percentuale ritenuta troppo alta,palazzo_dei_normanni essendo, soprattutto nelle grandi città dove la presenza dei grillini è consistente, difficile non ricorrere al ballottaggio. Certo per quanto riguarda le sorti delle amministrazioni locali, i sindaci delle grandi città si definiscono certamente delusi.
l’Assemblea Regionale, Prima di dare il via al voto finale, domani esaminerà il plico degli emendamenti aggiuntivi, tra cui quello che prevede anche l’abolizione della norma sulla doppia preferenza di genere, prevedendo nelle liste il 50% di donne e il 50% di uomini. Un problema che preoccupa la maggioranza. Nei giorni scorsi il ministro Maria Elena Boschi e il presidente della Camera Laura Boldrini alla notizia dell’’ipotesi di eliminazione della doppia preferenza di genere ha suscitato in loro reazioni di sdegno e preoccupazione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook