Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

COPPIA UCCISA A MAZARA, L’ASSASSINO È IL TUNISINO SUICIDA

COPPIA UCCISA A MAZARA, L’ASSASSINO È IL TUNISINO SUICIDA

La lite mortale sarebbe maturata nell'ambiente dello spaccio di droga. Decisivo per le indagini un tablet ritrovato in casa delle vittime. Durante la perquisizione effettuata nell'abitazione del presunto omicida gli agenti della scientifica di Palermo hanno sequestrato un coltello compatibile con quello utilizzato per il duplice omicidio e abiti sporchi di sangue. Tracce di sangue sono state trovate pure sulla sua auto.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

COPPIA UCCISA A MAZARA, L’ASSASSINO È IL TUNISINO SUICIDA –

Coppia uccisa a Mazara, l’assassino è il Tunisino suicida. Si chiamava Ben Saada Ouajidi, 34 anni, tunisino, padre italiano e da 18 anni in italia. L’uomo è stato trovato ieri suicida nella sua casa di contrada Ranna, a Marsala. Si ritiene che sia l’omicida di Angelo Cannavò e Rita Decina, di 30 e 29 anni, uccisi venerdì scorso a Mazara del Vallo, nel popoloso quartiere di “Mazara due”, nell’appartamento della coppia. Questa mattina Lo ha comunicato la polizia.
I sospetti si erano concentrati sull’uomo già da giorni dopo che nella casa delle vittime era stato trovato un tablet la cui scheda sim era intestata al tunisino. Secondo la Mobile di Trapani e il commissariato di Mazara del Vallo, il movente del duplice delitto potrebbe essere stato un debito di droga che Ben Saada Ouajidi avrebbe contratto nei confronti di Angelo Cannavò nella cui abitazione sono state sequestrate diverse dosi di droga.
Intanto pare che il tablet possa essere stato consegnato da Ben Saada Ouajidi come pegno del debito di droga da saldare. Infatti, la sua auto era stata ripresa da un sistema di videosorveglianza mentre arrivava e poi si allontanava dalla casa di Cannavò-Decina proprio nell’ intervallo di tempo in cui è avvenuto il duplice omicidio.
Rita Decina, prima di morire aveva tentato di scrivere con il proprio sangue le iniziali dell’assassino che però sono risultate soltanto abbozzate sul muro del ballatoio del piano ammezzato dove era stata trovata. Inoltre la donna avrebbe assistito alla lite tra il suo compagno e Ben Saada Ouajidi prima di essere uccisa mentre cercava di fuggire sul pianerottolo. Durante la perquisizione effettuata ieri nell’abitazione del polizia_scientifica_2presunto omicida gli agenti della scientifica di Palermo hanno sequestrato un coltello compatibile con quello utilizzato per il duplice omicidio e abiti sporchi di sangue. Tracce di sangue sono state trovate pure sulla sua auto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook