TERME DI SCIACCA E ACIREALE, UNA LEGGE PER SALVARLE

TERME DI SCIACCA E ACIREALE, UNA LEGGE PER SALVARLE

La Regione in previsione del salvataggio delle terme di Sciacca e Acireale potrebbe stipulare un mutuo di 19 milioni della durata di 29 anni per coprire i debiti e pagare il personale. all'Ars approderà una legge omnibus che prevede la creazione di una sorta di nuova Resais (Risanamento E Sviluppo Attività Industriali Siciliane SPA) per recuperare il personale delle società partecipate poste in liquidazione.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TERME DI SCIACCA E ACIREALE, UNA LEGGE PER SALVARLE –

Terme di Sciacca e Acireale, una legge per salvarle. Approderà all’Ars una legge omnibus che prevede la creazione di una sorta di nuova Resais (Risanamento E Sviluppo Attività Industriali Siciliane SPA) per recuperare il personale delle società partecipate poste in liquidazione. Inoltre la Regione Siciliana potrebbe stipulare un mutuo di 19 milioni per salvare le terme di Sciacca e Acireale. Nata come una manovrina che doveva servire a dare ossigeno a settori trascurati dalla Finanziaria, la legge che verrà esaminata fra oggi e domani si è trasformata in un mix di norme sponsorizzate dai partiti per dare risposte ai propri elettori. La norma che peserà maggiormente alle casse è quella che riguarda i 144 ex dipendenti di Sviluppo Italia Sicilia, Ciem, Quarit, Sicilia Innovazione e Cerisdi.
In merito Il presidente della commissione Bilancio dell’ Ars, Vincenzo Vinciullo evidenzia: “Questo personale  finirà in un contenitore da cui attingeranno la Sas e l’ Irfis ogni volta che avranno bisogno di nuove risorse”. Situazione più complicata per ciò che riguarda il mutuo da stipulare per salvare le le Terme di Sciacca e Acireale che sono due società della Regione, in perenne crisi finanziaria, la cui vendita è sempre fallita.
A questo punto resta un’unica e ultima soluzione: quella del mutuo. Il denaro servirà alle società per coprire i terme_sciacca_e_acirealedebiti e pagare il personale. Il mutuo verrà estinto in 29 anni e costerà nei primi anni fra i 542 mila e i 655 mila euro annui di interessi. In merito ancora Vinciullo spiega: “Anche se può sembrare incredibile i beni immobili delle Terme non sono completamente della Regione. L’ usufrutto è delle società (di cui la Regione è socia) e questo finora ha impedito la vendita perché nessun acquirente ha accettato una situazione simile. Col mutuo da 18,9 milioni autorizziamo la Regione a riacquistare l’ usufrutto”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook