Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MUORE PER SALVARE LA MOGLIE DALLE FIAMME

MUORE PER SALVARE LA MOGLIE DALLE FIAMME

Dopo che si erano sviluppate le fiamme in una cartoleria di Palermo di proprietà di una coppia, il marito è riuscito a salvare la moglie che è rimasta ustionata, ma lui che era corso in suo aiuto non ce l’ha fatta.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MUORE PER SALVARE LA MOGLIE DALLE FIAMME –

Muore per salvare la moglie dalle fiamme. Il fatto è successo nel capoluogo siciliano dove, Michelangelo Abbate, 77 anni, è morto a causa di un incendio divampato in corso dei Mille, al civico 632 a Palermo. Il negozio della coppia, una cartoleria e sanitaria, che si trova in una palazzina a due elevazioni era andato in fiamme e l’uomo si trovava in quel momento nell’esercizio commerciale insieme al figlio. I due uomini si sono precipitati nell’appartamento di famiglia al primo piano proprio per soccorrere la moglie. Ma il marito è rimasto intrappolato nella vampa che si era violentemente avviluppata nella casa. Per lui non c’è stato nulla da fare. L’incendio pare sia stato alimentato da alcuni prodotti altamente infiammabili della cartoleria-sanitaria.
La madre e figlio sono rimasti leggermente ustionati, Il figlio della coppia ha bruciature alle mani ma si è rifiutato di andare in ospedale, così come la congiunta. Durante vigili_del_fuoco_incendiol’incendio, una vicina degli Abbate, presa dal panico è stata accompagnata dai sanitari del 118, all’ospedale Civico. La polizia indaga sulle cause dell’incendio, che sarebbe avvenuto per cause accidentali, forse un corto circuito.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook